LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Da Zaia a Zuccato, decolla il museo degli emigranti
Martina Zambon
Corriere del Veneto 24/7/2016

Fund raising per ricordare l’epopea dei nostri avi

Oggi a Belluno ci sarà la trentesima giornata dei «Veneti nel mondo», un giorno di festa per ricordare i nostri emigranti. E a tal proposito va detto che ha preso corpo l’idea lanciata dal Corriere del Veneto, attraverso un editoriale di Gian Antonio Stella, di un museo dedicato ai nostri emigranti. Il governatore Luca Zaia si è impegnato a lavorare per realizzarlo. E alla stessa stregua, si è detto entusiasta della proposta anche il presidente veneto di Confindustria Roberto Zuccato.

VENEZIA. Fine ’800, oltre tre milioni e mezzo di veneti cercano fortuna oltreoceano. E poi, ancora, a fuggire la fame e le macerie del secondo dopoguerra, altri due milioni migrano, silenti, verso il resto d’Europa. Nella loro terra d’origine, però, non c’è un luogo che ne ricordi le gesta, come ha sottolineato Gian Antonio Stella dalle colonne del Corriere del Veneto alla vigilia della festa di oggi a Belluno dedicata agli emigranti e ai loro discendenti. Cinque milioni di veneti sparsi ai quattro angoli del mondo meritano un tributo: un museo dell’emigrazione veneta. La proposta per colmare un «vuoto» che non si spiega, è arrivata proprio da Stella: «glielo dobbiamo». Il presidente della Regione, Luca Zaia, raccoglie l’impegno e pare avere già le idee ben chiare.

Presidente, cosa pensa della proposta di realizzare un museo dell’emigrazione veneta? Ce ne sono, come ricorda Stella, persino a Gualdo Tadino in Umbria, a Salina nelle Eolie e così via...

«Penso sì a un museo ma con un taglio ben preciso. Niente di stantio o in stile amarcord, serve un museo improntato al multimediale. Insomma, un museo non analogico ma con una filosofia digitale. Per capirci, se dovrà esserci la stanza con le valigie di cartone, saranno solo a corredo della narrazione. Lo spazio vero sarà dedicato alla messa in rete di talenti che già c’è a livello internazionale. Cominciamo a contare quanti sono i discendenti di veneti che nel mondo hanno raggiunto posizioni apicali, non c’è solo il sindaco di Sidney».

Quindi è un sì al grande museo dell’emigrazione. La domanda è, chi lo finanzierà?

«Certo, l’investimento non sarà facile da trovare, ma voglio augurarmi almeno su questo tema di non incontrare le solite polemiche da due soldi. Iniziamo a pensarci, non sarà difficile individuare un comitato scientifico capace. Quanto ai fondi, potremmo attivare un fund raising sullo stile di alcune comunità come quella ebraica per operazioni identitarie-culturali».

Quanto alla collocazione?

«Considerato che dovrà essere un luogo vivo, fondamentale per l’educazione dei bimbi, e non un mausoleo inutile, si potrebbe fare in un capannone dismesso visto che si parla tanto di consumo di suolo oppure in un edificio che rientri nell’archeologia industriale da recuperare».

Nessun dubbio che serva quindi...

«Mio nonno, morto nel 1996 a cent’anni, era nato il 5 maggio del 1896 a San Paolo in Brasile. In Italia ci arrivò dopo aver cercato fortuna anche a New York. Sono cresciuto ascoltando i suoi racconti, le storie di quella che è stata una vera epopea veneta oltreoceano. Arrivato in lacrime a Little Italy senza conoscere una parola di inglese gli si fece incontro in bambino con una mela, era un emigrante originario di Codognè, il paese della mia famiglia. I veneti nel mondo si sono distinti per essere persone semplici, forse, ma oneste fino al midollo, timorate di Dio. Valori legati al nostro mondo contadino che forse noi abbiamo smarrito ma che nelle comunità venete all’estero sono ben saldi. E non parliamo di un fenomeno residuale, ci sono più oriundi veneti fuori dal Veneto che veneti in Veneto. Un popolo che ha affrontato le bonifiche a Latina, ad Arbonea, le miniere a Marcinelle, la selva attraverso cui farsi strada a forza di braccia in Brasile. Mio nonno mi raccontava di come si fossero dovuti conquistare spazi nella giungla senza mai tradire i due pilastri dell’essere veneti, l’onestà e la solidarietà».

Ci sarà spazio per l’emigrazione degli stranieri in Veneto ovvero per l’immigrazione?

«Il museo digitale deve diventare il contesto in cui si elaborano queste riflessioni. È necessario parlare seriamente, anche pensando all’oggi, di emigrazione. La nostra emigrazione e le migrazioni che toccano il Veneto, due storie in cui la religione gioca un ruolo».

In che senso?

«Se l’essere quasi “bigotti” dei veneti all’estero, mi si passi il termine, animati da una grande rettitudine morale, ne ha fatti cittadini del mondo benvoluti, non posso non ripetere ciò che dico spesso “non tutti gli islamici sono terroristi ma tutti i terroristi sono islamici”. Non sono riuscito a vedere fino alla fine il video della decapitazione di un bimbo in Siria da parte di ragazzotti integralisti. E un museo dell’emigrazione potrebbe diventare un luogo di riflessione sulla religione e sull’alibi del proprio Dio a fronte di tante nefandezze. Un museo dell’emigrazione vivo e intelligente ci ricorderà cosa siamo stati, cosa siamo e cosa saremo, ribadendo quel modello di rettitudine che oggi a volte ci manca, che forse abbiamo perduto».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news