LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Villa Balestra, verde e degrado
Fulco Pratesi

Il benvenuto al parco dove ho passato i più begli anni della mia vita, me lo dà il grande ramo di Prunus cerasifera stroncato e giacente da giorni al lato del cancello d’ingresso sempre aperto su via Ammannati. Il giardino pubblico di Villa Balestra, un ettaro e mezzo sulla Collina dei Parioli - a strapiombo su via Flaminia con vista sulla cupola di San Pietro - è l’ultimo relitto dell’antica Villa sfuggito alla speculazione edilizia degli anni 50. Lo stato in cui si trova oggi è inaccettabile, soprattutto in un quartiere che ospita ambasciate, ville e casali storici, istituti religiosi e palazzine eleganti.

Il prato, un tempo verdissimo, non più irrigato da un efficace sistema di annaffiamento, oggi è trasformato in una squallida steppa arida e terrosa, piena dei temuti «forasacchi» terrore dei cani che ancora vi scorrazzano depositando le loro deiezioni. La robuste e pesanti panchine di ghisa, se non sono state trascinate da notturni visitatori in posizioni incongrue, appaiono circondate da tappeti di mozziconi e bottiglie vuote e coperte di scritte indelebili. A uno dei magnifici cipressi secolari è stato dato fuoco e un altro è stato completamente bruciato. Nel suo tronco incenerito un’anima buona ha piantato una rosa. Molti pini, ornamento storico della Villa, sono stati abbattuti perché pericolanti e i restanti mostrano chiome sofferenti o inaridite. Gli eleganti e capienti cestini dei rifiuti appaiono danneggiati e uno di essi è stato fatto addirittura esplodere nottetempo dai «soliti ignoti» che cospargono il suolo di pacchetti di sigarette e resti alimentari. La bella fontanella di ghisa (nasone) viene continuamente vandalizzata e gli addetti del Servizio Giardini che passano saltuariamente a ramazzare la monnezza , cercano di ripararla per evitare pozze fangose dove sguazzano i cani. Grandi scritte nere imbrattano i muri, inutilmente riverniciati, dando la misura del livello culturale dei loro autori. I frequentatori di un tempo sono diventati rarissimi. Luca di Montezemolo con i suoi cani e Carlo Vanzina con il suo bianco terrier scozzese non si fanno più vedere. Solo Flavia Vento, sfidando la calura, passeggia con i suoi sette trovatelli nel deserto polveroso dei prati e dei viali ricercando l’ombra degli ancora stupendi cipressi secolari. Un declino che non sarebbe accettato in nessun altro giardino pubblico, qui sta avanzando nonostante le lamentele di chi ancora lo ama. Il suo recupero sarebbe un buon esempio per l’avvio di una politica del verde finalmente accettabile.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news