LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. In mostra a Villa La Quiete il capolavoro ritrovato. E a primavera il museo
Edoardo Semmola
Corriere fiorentino 26/7/2016

Un museo con il Botticelli ritrovato

Da oggi a Villa La Quiete si possono vedere sette capolavori. Da primavera l’allestimento completo

Il primo passo è stato inaugurare la mostra temporanea, da oggi al 30 ottobre, con sette capolavori come l’Incoronazione della Vergine e Santi attribuita a Sandro Botticelli e bottega, rimasta «nascosta» per anni agli occhi del pubblico e ora ritornata in mostra a ingresso gratuito. E ancora lo Sposalizio mistico di Santa Caterina di Ridolfo del Ghirlandaio e un crocifisso di Baccio da Montelupo. Il prossimo sarà fare di Villa La Quiete un vero museo, cosa che avverrà entro la prossima primavera. Lo ha confermato l’appena nominato nuovo soprintendente per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici ed Etnoantropologici per le Provincie di Firenze, Pistoia e Prato Andrea Pessina: «Oggi abbiamo fatto il primo passo. È solo una piccola parte, un inizio — ha detto ieri al taglio del nastro della mostra nella villa medicea di via di Boldrone 2 — Ma l’impegno che mi prendo e ci prendiamo come soprintendenza è chiaro: completare l’esposizione al fianco dell’Università promettendo che mai sarà tagliato il filo che unisce Villa La Quiete al suo patrimonio artistico».

Villa La Quiete, di proprietà della Regione Toscana che recentemente ha finanziato alcuni interventi di restauro e gestita dal Sistema museale dell’Università di Firenze, ex convento delle Montalve ed ex dimora estiva dell’Elettrice Palatina, ha allestito un primo impianto espositivo nel refettorio dopo le polemiche dello scorso marzo per il ritrovamento del «Botticelli nascosto», o meglio riposto in un magazzino. La tempera su tavola del maestro fiorentino era stata pensata per la chiesa di San Francesco a Montevarchi, fu portata a Firenze in epoca napoleonica e donata alle Signore Montalve. Il resto del percorso prevede l’allestimento anche delle stanze che accolsero dell’Elettrice Palatina negli ultimi anni di vita e che saranno trasformate nella quadreria principale.

All’inaugurazione della mostra, curata da Cristiano Giometti e Donatella Pegazzano, sono intervenuti anche il soprintendente Archivistico Diana Marta Toccafondi, il direttore del Polo Museale della Toscana Stefano Casciu e la vicepresidente della Regione Toscana Monica Barni che ha ricordato come Villa La Quiete sia uno dei rari esempi dove «cultura, università e ricerca convivono», un «luogo straordinario sia per i capolavori contenuti, sia perché rappresenta un unicum di documentazione sulla pedagogia messa in atto dall’ordine delle Montalve» che si occuparono della formazione e dell’educazione delle donne delle più importanti famiglie fiorentine.

Il rettore dell’Università di Firenze Luigi Dei ha ricordato invece che «con la decisione di creare un percorso museale per valorizzare l’ingente patrimonio culturale presente abbiamo voluto riaffermare, di comune accordo con la Regione, il principio dell’indissolubilità e dell’integrità della risorsa pubblica, che deve essere patrimonio dell’intera collettività» e al tempo stesso «l’importanza fondamentale nella storia dell’educazione femminile di questo luogo, ultima villa medicea a essere costruita in ordine di tempo e tra i primi al mondo a porre la figura femminile in una posizione di protagonismo non solo nel campo degli studi umanistici ma anche in quelli scientifici, fino a quel momento un’esclusiva maschile».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news