LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Serina, ritorna il polittico della Resurrezione
Daniela Morandi
Corriere della sera - Bergamo 27/7/2016


Il polittico della Resurrezione si ricompone, per metà. L’altra è avvolta dal mistero. Le tavole dei santi Filippo e Giacomo, dopo la mostra dedicata a Palma il Vecchio alla Gamec, promossa da Fondazione Credito Bergamasco, Comune di Bergamo e Università, e il complesso restauro a cura di Eugenia De Beni, con la collaborazione di Leone Algisi, tornano nella loro posizione originale: ai lati della pala del Redentore, nel terzo altare di sinistra della chiesa di Serina. Ma le altre due tavole, di cui si componeva il polittico realizzato tra il 1520 e il 1522, non ci saranno. Il perché è avvolto da uno dei tanti gialli della storia dell’arte. «Gli antichi codici risalenti al 1655 e al 1733 e conservati in parrocchia — racconta Roberto Belotti, autore della monografia “Palma il Vecchio. La diligente tenerezza del colore” —, testimoniano la presenza di altre due tavole raffiguranti i busti di due sante, andate perse. Si ipotizza che una possa essere quella di Santa Caterina esposta alla Carrara, ma non c’è certezza. Dell’altra, invece, non si sa nulla». Questa scomparsa si aggiunge a un’altra vicissitudine del polittico: verso la metà del ‘700, durante la trasformazione barocca della chiesa, il Cristo fu rimaneggiato e contornato da una nuova cornice, mentre i santi Filippo e Giacomo, a inizio ‘900, furono aggiunti al polittico a 6 scomparti della «Presentazione della Vergine» che, in un’impropria e nuova formulazione di 8 tavole, fu collocato in sagrestia. Ora, al netto dei pezzi mancanti, si torna alla genesi. Sabato alle 18, il polittico della Resurrezione sarà riposizionato, completando l’opera di ricostituzione e ricollocamento delle tavole del Palma iniziata l’anno scorso con la Presentazione della Vergine.

La posa sarà anticipata alle 16.30 dall’inaugurazione della mostra «Nascita e conservazione di un capolavoro» aperta sino all’8 gennaio nella chiesa della Santissima Trinità, dove sarà allestita la «Sala del restauro» realizzata in occasione della personale dedicata a Palma. Se la comunità serinese è soddisfatta per il ritorno del polittico e per l’omaggio al proprio pittore, per Angelo Piazzoli, segretario generale della Fondazione Creberg, «ricollocando il polittico restaurato si assolve a un dovere civile: contribuire alla crescita della società e territorio, per consentire alle nuove generazioni di ammirare dei nostri capolavori. Il recupero delle pale di Serina è stato un vero salvataggio che ha evitato la perdita di preziose opere d’arte».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news