LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le spiagge dei writer milanesi. Muri imbrattati e «firme» sulle scogliere
Corriere della Sera - Milano 28/7/2016

Blitz dal Salento a Ibiza. Polemiche all’Elba

Writer milanesi in trasferta. Meglio, in vacanza. Che lasciano le loro tracce («pezzi», o imbrattamenti) fuori dal loro «terreno» consueto, lontano dai muri, dai treni e dalle carrozze della metropolitana della città. E s’approcciano con le loro bombolette a rocce e scogliere, case abbandonate e recinzioni: tutto sulle spiagge. Graffiti di mare. Sono degli ultimi giorni le polemiche, riportate dal sito «Tirreno Elba news», per alcuni imbrattamenti comparsi sulle scogliere dell’isola d’Elba: writing vandalico che colpisce non opere dell’uomo, ma direttamente la natura. Dalla scogliera di Sant’Andrea, fino alle rocce che costeggiano la spiaggia Fenicetta di Marciana Marina. E poi la Sardegna, il Salento, Ibiza, Barcellona, la provincia di Taranto. In alcuni casi si tratta di nomi molto noti del graffitismo milanese.
Le «trasferte»

È un’abitudine molto diffusa in Francia e in Spagna, quella degli imbrattamenti anche nella natura, soprattutto sulle pareti di roccia, sia in località di mare, sia di montagna. E sono molto diffusi i «tour» europei: «crew» (gruppi) di writer che girano tra diverse città per attaccare metropolitane o treni. I graffiti «da vacanza» sono però qualcosa di diverso. Vanno dall’imbrattamento senza alcuna finalità figurativa (come lo sberleffo che, su una roccia, cancella la scritta «Costa Smeralda» e la emenda in «Costa... troppo»); fino ai veri e propri graffiti che un writer come «Zoor», molto conosciuto a Milano (dove è stato già denunciato un paio di volte), lascia su un muro vicino a una spiaggia di Ibiza e su una recinzione d’acciaio sulla sabbia di Barcellona.
La natura

Spiega Fabiola Minoletti, esperta e studiosa del fenomeno: «Sono forme e manifestazioni di estremo vandalismo, che arrivano a “interventi” anche su elementi della natura. Se era comunque un’abitudine quella di lasciare qualche traccia nei luoghi di villeggiatura, sui muri, i cestini o altri elementi di arredo urbano, ora assistiamo a questi vandalismi che colpiscono il paesaggio e sono molto più invasivi».

Anche questi graffiti «da vacanza» vengono regolarmente fotografati e riversati sui social network dagli stessi writer. «Rancido», ad esempio, compare sulla parete di una casa diroccata su una spiaggia della Sardegna. Mentre «Cone» ha lasciato un suo «bombing» su un muro che divide la strada dalla scogliera in un tratto della costa del Salento, in Puglia. Sopra la sua enorme «tag» (firma) in grigio, nero e verde, evidentemente per essere riconoscibile anche in territorio «straniero», «Cone» ha specificato anche la sua città di provenienza: Milano.
Gianni Santucci



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news