LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - A Cefalù cedono i mosaici Tutte le ferite aperte del patrimonio Unesco
ISABELLA DI BARTOLO GIORGIO RUTA
24 luglio 2016 LA REPUBBLICA




Un tonfo, poi un altro. E un altro ancora. È il suono dei tasselli dorati del mosaico del duomo di Cefalù quando cadono vicino all'altare. Il 9 luglio, in un'ora e mezza, si sono staccati più di 100 pezzi. Ma non è l'unico bene Unesco a soffrire: da Siracusa all'Etna, c'è un patrimonio in pericolo.

Il parroco del duomo di Cefalù, monsignor Cosimo Leone, ha preso carta e penna e ha scritto a tutti gli enti interessati, dalla diocesi alla Soprintendenza. «Non abbiamo risorse per poter intervenire, ma questo è un gioiello visitato da circa mille persone al giorno. Bisogna fare qualcosa», dice monsignor Leone. Ma perché i tasselli si staccano? Probabilmente la causa è la condensa, l'ultima manutenzione è stata fata negli anni '80. La lettera del prete l'ha ricevuta anche il presidente della Fondazione Unesco Sicilia, Aurelio Angelini che a sua volta ha interessato la Soprintendenza e la Regione: «Le condizioni dei mosaici sono drammatiche come quelle delle colonne del portico. A giorni potrebbe arrivare una lettera da parte dell'Unesco, vorranno capire l'accaduto », commenta Angelini. Ma chi deve intervenire? Il sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina, un'idea ce l'ha: «Ci sono dei finanziamenti europei che potremmo utilizzare essendo un sito Unesco ».

Non è la prima volta che la Fondazione Unesco siciliana riceva segnalazioni di patrimonio in degrado. «Si va dalle scorribande di auto sull'Etna per spot pubblicitari ai sagrati delle chiese del Val di Noto invase dai cortei di nozze – dice Angelini – Si va, ancora, dai mezzi pesanti nelle aree pedonali come nel caso di Ortigia (dove è stato anche frantumato un mascherone barocco a causa del passaggio di un camion) all'eccessivo utilizzo per eventi di monumenti come il Teatro greco di Siracusa». La colpa? Secondo la Fondazione Unesco è legata all'assenza di una regia. La tutela del patrimonio compete alle Soprintendenze, braccio operativo della Regione in termini di salvaguardia. «Ma sono troppe e la loro organizzazione risponde più a criteri politici che alle finalità per cui sono nate», ragiona Angelini.

E se l'ultimo arrivato – il sito Palermo, Cefalù e Monreale – svela numerose criticità (in primis la carenza di cartelli lungo il percorso), non stanno meglio i "vecchi" luoghi Unesco della Sicilia. L'ultimo monito alla Sicilia riguarda Siracusa: a gennaio, i vertici dell'istituzione internazionale hanno inviato una diffida alla Soprintendenza aretusea sull'utilizzo del Teatro greco, vittima di incuria, spingendola a stilare un vademecum per ridurre il legno sulla cavea e il peso delle scene in occasione degli spettacoli. «E così abbiamo fatto. Non seguire i dettami Unesco ci farebbe perdere il riconoscimento», dice la soprintendente Rosalba Panvini.

Ma la situazione del resto del patrimonio siciliano iscritto nella World heritage list non è più rosea. Basti pensare a Pantalica, il sito delle necropoli rupestri è spesso oggetto di critiche: spazzatura e murales nelle tombe millenarie, niente custodia e troppi pericoli per i preziosi affreschi delle tombe rupestri. Nessun sito internet, né info- point o brochure. Così Noto, dove resta irrisolta la questione dell'intonaco settecentesco che ammantava di dorato il barocco Unesco e che è stato in parte eliminato dai restauri moderni scatenando le ire dei puristi dell'architettura e qualche controllo della Fondazione Unesco. «Non funziona l'organizzazione tra i Comuni che ricadono nei territorio Unesco – dice Paolo Tuttoilmondo, responsabile Beni culturali di Legambiente Sicilia – basti pensare agli 8 del Val di Noto: Caltagirone, Militello, Catania, Palazzolo, Ragusa, Modica, Scicli e Noto che dal 2002 dovrebbero avviare un sistema sinergico di gestione e tutela ma non riescono a dialogare».





news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news