LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

POMPEI - Schola, nessun colpevole per il crollo
ANTONIO FERRARA
23 luglio 2016 LA REPUBBLICA




NESSUN colpevole. Si chiude con l'assoluzione dell'unica imputata il processo per il crollo della Schola Armaturarum avvenuto nella notte tra il 5 e il 6 luglio 2010 agli Scavi di Pompei perché «il fatto non sussiste». La prima sezione del Tribunale di Torre Annunziata, presieduta da Ernesto Anastasio, ha assolto l'architetto Paola Rispoli, responsabile delle verifiche nella Regio III, oggi in pensione, accusata di crollo colposo. Il pubblico ministero Emilio Prisco aveva chiesto una condanna a un anno e mezzo. L'architetto Rispoli è stata difesa dagli avvocati Giuseppe Fusco e Oreste Citacatelli.

Il crollo della Schola Armaturarum ripropose drammaticamente 5 anni e mezzo fa il problema della tutela del patrimonio archeologico e l'incapacità dello Stato di assicurare la manutenzione in uno dei siti più famosi al mondo. L'allora ministro dei beni culturali Sandro Bondi fu costretto alle dimissioni. Sull'onda della denuncia internazionale nacque poi il Grande progetto Pompei, un intervento organico di studio e tutela dell'area archeologica, finanziato con 105 milioni da Unione europea e Stato italiano.

Per alcuni anni le macerie della Schola hanno tenuto chiusa Via dell'Abbondanza. Poi un anno fa i resti dell'edificio vennero dissequestrati dalla Procura di Torre Annunziata su richiesta del soprintendente Massimo Osanna. Sul sito è stata così realizzata una struttura metallica leggera, semplicemente appoggiata e del tutto reversibile per proteggere i muri antichi e i loro apparati decorativi che si sono salvati dal crollo del 2010.

«La nuova copertura - spiega l'architetto Paolo Mighetto della Soprintendenza Pompei - vuole trasmettere l'idea del cantiere in corso e per questo è realizzata con un sistema di tubi e giunti, proprio come un ponteggio, ma nobilitato da alcuni elementi disegnati e studiati appositamente, come pannelli metallici rimovibili e formati da lamiere smaltate tagliate al laser sono agganciati alle pareti per proteggere i resti antichi dalla luce e dal calore del sole». I resti della Schola sono protetti da frangisole che segnano il profilo dell'edificio laddove il sole del pomeriggio potrebbe danneggiare gli affreschi antichi e da pannelli isolanti che permettono di proteggere dal calore i muri superstiti, nonché da vasche metalliche piene di blocchetti calcarei per zavorrare la struttura. La nuova struttura è modulare e potrà essere integrata con la copertura dell'area centrale non appena sarà restaurato il pavimento antico di cocciopesto con inserti di marmo. «La copertura è anche un elemento di comunicazione per i turisti che giungono da via dell'Abbondanza » spiega Mighetto che ha curato il progetto con l'assistenza degli archeologi Mario Grimaldi e Alberta Martellone e degli ingegneri Vincenzo Calvanese e Vincenzo Tonnera. Le pareti sono schermate sui lati interni e sulle testate con teli microforati, stampati con fotografie e testi che raccontano la storia stessa della Schola: lo scavo del 1915, il bombardamento del 1943, la ricostruzione, il crollo del 2010.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news