LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le carenze dietro il boom "Il turista chiede pulizia e più mezzi pubblici"
GIORGIO RUTA
28 luglio 2016 LA REPUBBLICA

L'aumento del turismo a Palermo si percepisce a vista d'occhio, le strade del centro sono piene. Ma per gli operatori turistici della città c'è ancora molto da fare: «Più sicurezza, più trasporto pubblico e più pulizia », sono le richieste di albergatori, guide e ristoratori del capoluogo siciliano.

I dati parlano di un più 10,6 percento di presenze nel primo semestre del 2016, rispetto a quello dell'anno precedente. «Questa scia positiva, però, non la stiamo sfruttando a pieno. Diversi fattori storici ci stanno dando un'opportunità e dobbiamo coglierla», ragiona Nicola Farruggio, presidente di Federalberghi Palermo e titolare dell'Hotel delle Poste, prima di lanciare una proposta: «Destiniamo l'imposta di soggiorno che pagano i turisti quando dormono da noi alla promozione all'estero della nostra città. Perché soprattutto da qui passa il futuro di Palermo, non possono essere iniziative di singoli privati a sponsorizzare il volto del capoluogo siciliano fuori dall'Italia».

Bisogna attirare i turisti a Palermo ma poi non bisogna deluderli perché, come dicono tutti, «il passa parola è la nostra prima pubblicità». Aurelio Angelini, direttore della Fondazione Unesco Sicilia stila un elenco di cose da fare: «Ci vorrebbero più servizi igienici sparsi per il centro storico, delle fontanelle per dare ristoro ai viaggiatori e per sprecare meno plastica e poi un'illuminazione migliore». Poi precisa: «Non intendo il semplice cambio di una lampadina, penso, come succede in altre città, a una luce che risalti le caratteristiche architettoniche della città». E di illuminazione parla anche Doriana Ribaudo, titolare dell'Osteria Ballarò: «Spesso i turisti si sentono insicuri camminando per strada, soprattutto nel centro storico. Però la cosa che mi sembra più assurda è un'altra: chi viene a Palermo trova assurdi gli orari di apertura dei siti d'arte. È impensabile che con 40 gradi i turisti vadano in giro per i musei, servirebbe una chiusura posticipata come avviene a Siviglia dove si possono visitare fino alle 22».

Sono loro, gli operatori del turismo, ad ascoltare ogni giorno le critiche dei viaggiatori. E a volte è imbarazzante, sentire le lamentele. «Si, molto », ammette Chiara Utro, guida turistica che deve spiegare ad ogni itinerario come sia possibile che ci sia tanta immondizia in giro. «Ormai li anticipo, gliela mostro io e gli faccio notare il contrasto con la bellezza. È un peccato non avere una città pulita, come è un peccato non avere una rete di trasporti più efficiente, anche verso le altre mete turistiche», conclude la Utro. È d'accordo Claudia Vitale, titolare del B&B "A casa di amici": «Si dovrebbe rafforzare il collegamento con Monreale, è complicato arrivarci con i mezzi pubblici, è costoso andarci con i privati». Tuttavia Vitale ammette di essere contenta «dei miglioramenti compiuti negli ultimi anni, anche sul fronte della sicurezza ». Di immondizia parla anche Michele Bellavista, direttore degli hotel Garibaldi e Vecchio Borgo. «In centro non abbiamo molti problemi, ma nella struttura che dirigo a Borgo Vecchio la situazione non è semplice. Chiamiamo ogni giorno al Comune per far rimuovere i rifiuti che abbiamo davanti all'albergo. Ma c'è molta indifferenza, non si capisce che questo è il biglietto di visita che diamo ai turisti», dice il direttore Bellavista.

Lui non è palermitano, ha aperto il suo ristorante in città soltanto da dieci mesi, ma già si è fatto un'idea. Per Andrea Graziano, titolare di Fud, servirebbe «davvero poco per fare un passo in avanti, bisognerebbe garantire i servizi minimi: sicurezza e pulizia». È contento per la stagione in corso («siamo invasi dai turisti») e fa il confronto con la sua città: «Catania ha capito per prima l'utilità di sfruttare l'estate perché non tutti vanno al mare. Sono questi i mesi in cui si lavora di più». Il trend è positivo, i turisti affollano le vie principali di Palermo. E questa è la ricetta degli operatori del settore per una città più a misura di turisti: «Basterebbe davvero poco».

Parlano gli operatori del settore che sta vivendo una stagione d'oro "Ecco cosa manca" Federalberghi propone di destinare l'imposta di soggiorno alla promozione all'estero





news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news