LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Fondaco, i Camerlenghi, il ponte. Così Rialto rinasce dopo l’estate
Elisa Lorenzini
Corriere del Veneto 29/7/2016

Dfs apre a settembre, a Natale il palazzo della Corte dei Conti con i vetri anti acqua alta

VENEZIA. Rialto (quasi) mai visto tra facciate in pietra d’Istria ripulite e splendenti, il ponte restaurato grazie a Renzo Rosso e palazzi prima decadenti che ora avranno nuova vita. Un regalo di Natale per un’area della città che in soli tre anni (sei se si contano anche i tempi di progettazione) rinasce grazie a tre imponenti interventi e svariati milioni sborsati da pubblico e privati. Il primo a svelarsi sarà il Fontego dei Tedeschi il 30 settembre, un investimento da 100 milioni di euro di Edizione Property (società del Gruppo Benetton proprietaria dell’edificio) affiancata per la progettazione allo Studio Oma dell’architetto Rem Koolhaas che tra poche settimane aprirà sotto il logo di Dfs (controllato dal Gruppo Lvmh). L’impalcatura lato Canal Grande è già stata tolta e il bianco candido delle facciate interrotto solo dai contestati infissi in ottone dorato riflette i raggi del sole al suo dirimpettaio cinquecentesco palazzo dei Camerlenghi che anch’esso entro l’anno sarà come nuovo. Qui è la Corte dei Conti ad aver sborsato 3,4 milioni di euro (2,1 sono spesi per i lavori) per donare alla città uno dei più bei palazzi e una rinnovata sede della Corte dei Conti.

Gli uffici, trasferiti a San Marcuola dal 2010 per fine anno, come svela la dirigente Elena Papiano, torneranno nella loro sede naturale, anticamente sede dei Camerlenghi, i tutori delle finanze della Serenissima, palazzo nel quale dagli anni Sessanta, da quando si è avviato il decentramento della Corte dei Conti, è stato gradualmente abitato dai magistrati contabili. A gestire l’appalto è stato l’ex Magistrato alle Acque, ad aggiudicarsi l’appalto le ditte Sea e Lares (ingegnere Francesco Sorrentino responsabile di procedimento e architetto Giorgio Barbato direttore dei lavori eseguiti con la supervisione della Soprintendenza). Grazie a un ascensore in grado di collegare tutti i piani il palazzo di 1200 metri quadrati non presenta barriere architettoniche. Per i 1500 metri quadrati di facciate in pietra d’Istria è stato il primo restauro in assoluto. Come spiegano Barbato e per Lares Mario Cherido «la pietra era in condizioni precarie, incrostata dall’inquinamento atmosferico e con numerosi distaccamenti: sono state necessarie 2500 iniezioni di consolidamento e 700 incollaggi in resina». Sono stati restaurati anche gli antichi infissi e le vetrate, e recuperati gli antichi stemmi araldici di volte e portali. Per la sala delle udienze del piano terra, che deve fare i conti con l’acqua alta è stata ampliata la vasca già realizzata degli anni Ottanta ed è stato studiato un sistema per proteggerla dalle onde: con una marea di 140 centimetri l’acqua rischia di entrare, per questo verranno posizionati dei vetri inclinati verso l’interno per rompere le onde.

Al ponte di Rialto invece manca ancora il 30 per cento dei lavori, mancano solo i negozi del lato nord e la rampa centrale.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news