LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli scavi di Pompei spiegati ai bambini
FRANCESCO ERBANI
Repubblica, 12/08/2016

Ilaria e Simone Marchini, docenti italiani negli Usa hanno scritto una guida per i più piccoli
Che cosa racconta Pompei a un bambino? Quante cose vive può trasmettere una città morta a chi alla vita si affaccia? Tante cose, a cominciare dalla dimensione più profonda che si cela nei gesti e negli oggetti del quotidiano. I quali hanno una storia e non solo un presente. Un gruppo di bambini, il più grande ha undici anni, il più piccolo cinque e mezzo, ha visitato gli scavi archeologici vesuviani. Li ha scortati una coppia di genitori, lei insegnante di letteratura italiana medioevale a Princeton, lui docente di letterature classiche a Hofstra, nello Stato di New York, entrambi italiani. Ilaria e Simone Marchesi, i due professori-guida, hanno redatto un journal di questa esperienza (Live in Pompei, Laterza, pagg. 144, euro 13) in cui le loro conoscenze accademiche sono messe alla prova dalle domande dei bambini. Perché a Pompei si conservano i calchi di alcuni di coloro che restarono sopraffatti dall’eruzione del 79 d. C., mentre a Ercolano sono stati rinvenuti diversi scheletri (“scheletri vivi?” s’interroga uno dei bambini)? E come si realizzavano quei calchi? Chi ne mise a punto la tecnica? E, ancora, quale immagine della vita e della morte trasmettono quelle sagome accucciate nell’atto estremo della loro esistenza?
Pompei racconta anche questo. La vicenda moderna della città antica è abitata da figure che insegnano come accostarsi al passato, qual è il senso vero della storia e della ricerca archeologica. Una di queste figure, definita un supereroe, come fossimo in un cartoon, è Giuseppe Fiorelli, il primo, grande soprintendente pompeiano. Fu lui che, nella seconda metà dell’Ottocento, oltre a inventarsi un modo per realizzare i calchi, impresse una svolta alle ricerche archeologiche, fino ad allora concentrate a portar via dalle domus busti, affreschi e monili. Oggetti pregiati raccolti nei musei o che a volte servivano solo per decorare. Fiorelli invertì la rotta. Pompei andava scavata non solo perché custodiva gioielli, ma perché era una città e la dimensione urbana e una vita quotidiana interrotta tragicamente dall’eruzione erano il vero tesoro lì custodito, rimasto pressoché integro a testimone di come la vita fluisse in uno spazio complesso. Per questo Fiorelli applicò alla Pompei antica una divisione in regiones e insulae, una serie di artifici moderni, una griglia che consentiva di distribuire e organizzare quello spazio. Un criterio tardo ottocentesco per capire una città di età imperiale.
Un utile racconto pompeiano per far capire, anche a un bambino, come passato e presente possono interpretarsi reciprocamente.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news