LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MANTOVA - San Nicolò è del Comune: l’area torna ai mantovani
di Roberto Bo
07 agosto 2016 LA GAZZETTA DI MANTOVA

Il Demanio ha deciso per la concessione gratuita dei 25mila metri quadrati. La zona tra il lago e Fiera Catena è carica di storia: c’è l’antico cimitero ebraico


MANTOVA. «Dagli uffici mi dicono che le giunte che mi hanno preceduto ne parlavano già dalla fine degli anni Novanta. Noi in tre settimane e due giorni abbiamo chiuso l’operazione».

Gongola il sindaco Mattia Palazzi, soddisfatto al cento per cento per essere riuscito ad ottenere dal Demanio la concessione gratuita per l’area di San Nicolò, 25mila metri quadrati da recuperare che partono dalla sponda del Lago inferiore per arrivare a Fiera Catena.

Lì in mezzo ci sono secoli di storia: insediamenti paleocristiani e cristiani, il complesso militare di San Nicolò, il vecchio cimitero ebraico e ciò che resta di quello che fu il campo di concentramento del Gradaro.

E adesso che il Comune ha ottenuto la concessione?

Palazzi parte in quarta col ringraziare il direttore nazionale del Demanio, Roberto Reggi, e la dottoressa Soddu, direttrice dell’agenzia regionale, senza dimenticare sovrintendenza e ministero dei Beni culturali e l’assessore al demanio Buvoli. «Un'area preziosa della città torna nella disponibilità dei mantovani, abbiamo già diverse idee su come valorizzarla e siamo già alla ricerca dei partner e delle risorse per farlo. Stiamo seguendo una strategia ben precisa, riqualificare, valorizzare e collegare. La vittoria al bando europeo della scorsa settimana per il nuovo collegamento da Valletta e Porto catena e il ponte ciclo pedonale che realizziamo il prossimo anno permetteranno di collegare tutta l'area. Progettare le funzioni di quell'area sarà una sfida bellissima – prosegue Palazzi – sono molto contento che siamo riusciti in un solo mese a ottenerne la concessione. Ovviamente la finalità dell’area da recuperare è quella di darle una funzione pubblica e di interesse pubblico. Tra un mesetto saremo più precisi, al momento stiamo lavorando su alcune idee e progetti da legare a bandi nazionali o europei».

L'area di san Nicolò è una sedimentazione di secoli di storia. Lì, infatti, c'erano insediamenti paleocristiani (secondo la tradizione, vi fu martirizzato san Longino) e cristiani con la chiesa di san Nicolò e il convento dei frati di sant'Ambrogio ad Nemus, entrambi demoliti. Per non dimenticare il vecchio cimitero ebraico voluto dai Gonzaga e chiuso nel 1786 dagli austriaci, dove è sepolto Immanuel da Fano, una delle figure più importanti della cultura ebraica. Fino ad arrivare al 1943 quando quell'appezzamento diventò campo di concentramento. Il Comune vorrebbe recuperare anche i cinque capannoni esistenti per adibirli a contenitori dei musei sull'ebraismo, sulla cristianità, sulle deportazioni nazifasciste e sull'epoca asburgico-napoleonica (esiste una polveriera usata dagli austriaci e da Napoleone) e per dare spazio a espressioni dell'arte contemporanea. Un maxi recupero ora possibile dopo l’ottenimento della concessione.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news