LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PADOVA - «Turismo strategico ma serve fare sistema e crescere in qualità»
di Elena Livieri
14 agosto 2016 IL MATTINO DI PADOVA

Stefan Marchioro, docente al Bo, scommette sulla Soft city «L’area eventi sia polo attrattore dell’innovazione»


«Padova è una città turistica ma non sa di esserlo, o non lo sa abbastanza. Ben venga la Soft city proposta dalla Camera di commercio: anche il turismo viaggia sui binari dell’innovazione»: Stefan Marchioro, professore di Economia applicata al turismo al Dipartimento Beni culturali del Bo e nella Direzione Turismo del Veneto, abbraccia con entusiasmo la visione di una Padova del futuro che poggi sui pilastri dell’innovazione e della sostenibilità. Con un imperativo categorico: fare sistema.

Professore, che rapporto c’è fra Padova e il turismo?

«Padova è una città turistica ma non sa di esserlo, non si percepisce come tale nonostante sia la città italiana d’arte – e non solo – che negli ultimi venti anni ha registrato il maggior tasso di crescita negli arrivi e nelle presenze. Ed è una delle prime tre città per crescita dei posti letto».

E i padovani non lo sanno?

«Manca la consapevolezza, a partire dai cittadini, in misura minore in associazioni di categoria, enti territoriali e amministrazioni. Una maggiore consapevolezza, diffusa, faciliterebbe il confronto fra attori, predisponendo a una migliore organizzazione dell’offerta».

C’è qualche sforzo in questo senso?

«Si viene da una destrutturazione con la chiusura dell’Azienda del turismo. Ci sono tre uffici in città ma manca un back-office condiviso. Comunque ci si sta muovendo sulla spinta della legge regionale 11/2013 e da un paio di mesi si è avviata l'Organizzazione della gestione di destinazione con cui si è già adottata una prima bozza di Destination management plan, cioè quello che la città vuole essere dal punto di vista del turismo nei prossimi 10-15 anni, in termini di prodotti e filoni turistici».

Qual è l’obiettivo?

«È indispensabile ragionare in termini di una governance integrata, coinvolgendo non solo gli stake holder ma anche i cittadini attraverso processi partecipativi. È quindi strategica una visione di insieme per andare oltre il turismo dal punto di vista tradizionale. Tutto il territorio deve avere interconnessioni con il turismo. E in questa programmazione ci deve stare dentro un ragionamento sui trasporti pubblici, sulla mobilità in generale, l’ambiente».

Cosa può favorire in questo senso la Soft city?

«Condivido la necessità di ripensare l’area eventi, la fiera, ma va ripensato anche il tema della congressualità. In futuro saranno necessari infatti spazi meno grandi ma più moderni e tecnologici, capaci di assicurare interconnessioni a tutto campo. Per questo è giusto immaginare di mettere dentro agli spazi della fiera laboratori di ricerca e di trasferimento tecnologico, incubatori di nuove imprese. Dobbiamo creare un polo attrattore dell’innovazione digitale».

Quali i benefici per il turismo?

«Padova ha scontato un immaginario stereotipato, da città industriale a città della tradizione scientifica. Oggi serve una visione che sia sommatoria di tutte le sue anime. In questo senso è auspicabile una visione d’insieme del turismo che va dai siti come la Cappella degli Scrovegni e l’Orto botanico – rispettivamente primo e secondo attrattore di turisti - ma anche gli appuntamenti di Palazzo Zabarella, le mostre, gli eventi musicali di Zed, le stesse manifestazioni sportive. È necessario coordinare tutte queste realtà, fare sistema».

È ottimista sulle prospettive del turismo in città?

«Fino a oggi non abbiamo risentito di dinamiche - penso al terrorismo - che hanno penalizzato altre mete. Le proiezioni parlano di un turismo in crescita. Nel 2015 nel mondo ci sono stati un miliardo 186 milioni di arrivi, nel 2030 saranno un miliardo 800 milioni. Dobbiamo essere pronti a intercettare questa crescita».

Come?

«Puntando sulla qualità del turismo. Padova è in fase ascendente ma deve darsi da fare. Deve inseguire una crescita quantitativa ma anche qualitativa».

Pensa a un turismo più elitario?

«Non proprio. Padova deve attrarre a 360 gradi qualificando l’offerta. Oggi parla a un pubblico di età media, alle famiglie. Può fare molto per la componente giovanile che si giova di dinamiche
favorite dalla presenza dell’università, che non vanno trascurate. Turismo di qualità va inteso nel senso di una migliore organizzazione, di una proposta variegata e organica, di servizi moderni e a tutto tondo. Per questo è strategico il progetto di Soft city».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news