LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Canne della Battaglia, tutto sbarrato "Lo straordinario festivo è terminato"
ANTONELLO CASSANO
17 agosto 2016 LA REPUBBLICA


UN solo dipendente per vigilare 40mila metri quadri di piana, più il museo che custodisce reperti preziosissimi risalenti a un periodo che va tra il neolitico e il medioevo e scovati sotto questa terra che il 2 agosto del 216 avanti Cristo fu calpestata da oltre 120mila soldati, 85mila romani da una parte e 40mila cartaginesi dall'altra.

La più grande manovra di accerchiamento della storia militare, opera del generale Annibale fu compiuta qui. Oggi si studia nei manuali di storia e di strategia di guerra. Annibale invece è il protagonista di una straordinaria mostra a pochi passi dalla piana, all'interno del castello di Barletta, già visitata da quasi 5mila persone dall'inizio del mese. Un successo, da queste parti.

LA PROTESTA DEI VISITATORI

A Canne, invece, il deserto. Neanche il generale cartaginese ha fatto più danni a questa zona di quanti ne stanno facendo da anni la burocrazia e l'incuria italiana per i suoi beni culturali. Il sito che custodisce la memoria della più grande battaglia dell'antichità ha chiuso i battenti domenica e lunedì di ferragosto. Decine, anzi, centinaia di visitatori hanno dovuto fare marcia indietro. Qualcuno di loro ha scatenato la propria frustrazione sui social network: «Sono un turista e sono qui a Canne da un'ora e mezzo — ha scritto il 14 agosto un visitatore in una e-mail inviata al Comitato italiano pro Canne della Battaglia che da sempre si batte per promuovere il sito — il museo era chiuso. Nessun avviso fuori. È arrivata e già andata via molta gente, tra cui stranieri, tutti annichiliti ». Turisti che forse non torneranno più. Una figuraccia.

LE RAGIONI DELLA CHIUSURA

Carenza di personale dice la Cgil. Incredibile ma vero. I tre dipendenti presenti nel sito non possono più lavorare nei giorni di festa perché hanno superato il limite del 50 per cento dei festivi lavorati. Vallo a spiegare ai turisti arrivati fini qui da ogni parte d'Europa e del mondo che per il superamento di una percentuale non vedranno Canne. «Siamo troppo pochi » ribadisce Domenico all'ingresso del sito archeologico. Nel museo entra una coppia di turisti giapponesi spauriti, mamma e figlio. In un inglese stentato chiedono come possono tornare a Barletta: «No bus, no train» si preoccupa la donna. Un collega di Domenico che ha appena finito il turno di mattina risolve la situazione: «Li accompagno io, con la mia macchina, gratis. Dobbiamo fare anche questo, lo facciamo solo per non rovinare ulteriormente la reputazione di Canne».

UN PATRIMONIO ABBANDONATO

Sul tavolo dell'ingresso, il quaderno delle presenze su cui si registrano le opinioni di visitatori è ricolmo di elogi in tutte le lingue: "Bello qui, ma…" e giù un lungo elenco di disagi: mancanza di indicazioni, stato di abbandono del sito, erbacce ovunque, nessuna informazione sulla battaglia, nessuna guida a illustrare e spiegare le rovine presenti sulla piana, assenza assoluta di mezzi di trasporto pubblici capaci di arrivare fino a qui. E poi, solo tre dipendenti a dividersi a turno l'apertura e chiusura di Canne della Battaglia. Un numero ridicolo e infatti il sito ha chiuso e chiuderà ancora, per tutti i festivi dell'anno fino a dicembre. «Pensavamo di aver evitato il peggio con un accordo sottoscritto a giugno presso il segretariato regionale del Mibact, il ministero della Cultura — dice Matteo Scagliarini, coordinatore regionale Fp Cgil — non è stato così. La situazione è drammatica, si rischia davvero una reazione a catena. Oggi Canne, domani capiterà a Trani e Castel del Monte. Si tratta di capire come valorizzare i beni culturali della Puglia».

LA VERSIONE DELLA DIRIGENZA

Anche chi dirige il sito archeologico la pensa più o meno alla stessa maniera del sindacato: «Confermo che la situazione è drammatica — dice Marisa Corrente che dirige Canne — ma è così ormai da oltre un anno. Il sito rimane chiuso per carenza di fondi e di personale. Canne della Battaglia è un patrimonio straordinario, non si può gestire solo con tre dipendenti che comunque fanno un grande lavoro e sacrifici incredibili per tenere aperto il più possibile il sito. Ora col Polo museale regionale bisognerà trovare una soluzione».

LA RICERCA DI SOLUZIONI

E ora anche la Cgil spinge per provare a eliminare le carenze annose di Canne e chiede un incontro urgente al Comune di Barletta affinché si faccia promotore di un incontro con i vertici ministeriali per cercare di risolvere il problema. Proposta che il sindaco di Barletta, Pasquale Cascella, accoglie e fa propria: «La chiusura di Canne, proprio mentre a Barletta la mostra su Annibale, riscuote grande successo è un paradosso assoluto. Siamo pronti a convocare le parti, l'unica cosa che non possiamo fare è sostituirci al ministero. Chiederemo più personale, ma quello che è successo a Canne non deve più ripetersi».






news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news