LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Innovazione e cultura, le startup al servizio dell'arte italiana
di MARCELLO GELARDINI
15 agosto 2016 LAREPUBBLICA

Sempre pi giovani aziende puntano sulle nuove tecnologie per rilanciare il patrimonio artistico. Anche i grandi, per, non stanno a guardare


INNOVATORI, istituzioni e mondo della cultura mai come negli ultimi mesi sembrano aver stretto un patto per il rilancio del patrimonio artistico italiano. Perch la tecnologia non serve solo a fare sviluppo; se coniugata nel modo corretto, infatti, pu dare una grossa mano al nostro Paese. Non una novit che l'Italia abbia il territorio con la pi alta concentrazione di beni culturali del mondo: monumenti, musei, siti archeologici, luoghi d'interesse storico senza eguali che, per, non si riescono a valorizzare a dovere. sotto gli occhi di tutti la condizione di marginalit in cui versano molte aree della Penisola - soprattutto nel Mezzogiorno - poco pubblicizzate e di conseguenza quasi sconosciute.

LA TECNOLOGIA FA "PARLARE" I MONUMENTI. Ora, per, qualcosa sembra finalmente muoversi. Grazie alle iniziative che il settore tecnologico sta mettendo in campo per ridare nuova luce all'arte italiana. E proprio App, dispositivi mobile, stampa 3D, realt aumentata possono dare una mano determinante a questo settore; facendo "parlare" direttamente i protagonisti: i monumenti. Le proiezioni degli analisti ci dicono che, grazie ai contenuti digitali, l'Italia vedrebbe crescere la propria domanda turistica di circa il 10%; con un effetto traino positivo sul PIL e sull'occupazione valutato attorno all'1%. Una strada che, recentemente, ha avuto un ambasciatore d'eccezione; il riferimento al progetto con cui il Google Cultural Institute ha "virtualizzato" la Valle dei Templi di Agrigento, dando la possibilit a milioni di utenti di viverla in realt aumentata prima di venire a vederla dal vivo. Un'operazione promozionale che ha per riacceso i riflettori sull'importanza della valorizzazione del nostro patrimonio artistico; una sfida che anche molte giovani imprese locali sono pronte a raccogliere. Se, per, a muoversi e a fare da apripista un colosso come Google tutto potrebbe essere pi facile. Basta avere gli stimoli giusti.

NASCONO LE STARTUP CULTURALI. Non appare, cos, un caso che la proposta di legge per il riconoscimento delle startup culturali, "dormiente" da oltre un anno in Commissione Cultura alla Camera dei Deputati, abbia fatto di nuovo la sua comparsa nell'agenda parlamentare quasi in contemporanea con la presentazione dell'iniziativa "siciliana" dell'azienda di Mountain View. Nel testo si definiscono "culturali" quelle startup - composte come minimo all'80% da under35 - che hanno come obiettivo la "promozione dell'offerta culturale nazionale attraverso lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico", prevedendo per loro una serie d'incentivi fiscali e strutturali. A partire dal credito d'imposta agevolato, pari al 65% dei costi sostenuti (quota che sale al 75% nel caso di imprese del Sud, con sede in Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia). La proposta, per, punta anche alla creazione di una piattaforma online ufficiale per la raccolta di capitali - una sorta di crowdfunding statale dedicato esclusivamente ai progetti culturali - da accompagnare a luoghi di incubazione gestiti direttamente dal ministero dei Beni Culturali, per far crescere questo tipo d'imprese.

CONOSCERE L'ARTE TOCCANDOLA CON MANO. Ma le startup culturali, in Italia, gi ci sono. In molte regioni sono sorte proprio con l'obiettivo di rilanciare l'arte e il turismo. il caso di Tooteko, impresa innovativa che ha sviluppato un metodo d'apprendimento basato sul tatto e sull'udito. Un progetto "sensoriale" nato come supporto ai non udenti che, ora, fa un salto di qualit rivolgendosi a tutti. Tooteko , infatti, un dispositivo che consente di conoscere la storia di un monumento semplicemente toccandolo: un anello hi-tech al cui interno montato un sensore che legge i tag NFC (Near Field Communication, letteralmente "comunicazione di prossimit", la stessa tecnologia usata per i pagamenti col cellulare); un sistema che permette all'anello 2.0 di dialogare con un App per smartphone e tablet. Toccando le schede tridimensionali o le riproduzioni dei monumenti - cablate per essere lette da Tooteko e posizionate dove si trova l'opera - ogni volta che si raggiunge un hotspot (riconoscibile grazie a un tasto con codifica braille, il sistema di lettura a rilievo usato dai non vedenti) si attiva una traccia audio, archiviata sull'App, con l'audio-descrizione della parte specifica dell'opera d'arte. In questo modo si potr conoscere la storia di un monumento nel minimo dettaglio. Una tecnologia a basso costo che pu essere applicata a statue, architetture, dipinti, opere di design. Per questo l'obiettivo dei tre giovani fondatori di Tooteko creare una rete di musei che si aprano al racconto dell'arte che coinvolga quasi tutti i sensi.

IMPARARE LA STORIA GRAZIE ALLA STAMPA 3D. Simile, ma non uguale, il concetto che sta alla base di Hi-Storia, startup abruzzese che punta sulla stampa 3D come strada per diffondere cultura. Modelli in 3 dimensioni di edifici storici, chiese, opere d'arte dotati di una speciale tecnologia che permette all'utente di accedere a contenuti multimediali su smartphone o su monitor. All'interno dei modellini, infatti, ci sono dei sensori tattili che attivano video, audio, mappe interattive. Ma Hi-storia anche un gioco didattico che vuole insegnare ai pi piccoli la nostra storia: un tabellone che riproduce la pianta di una citt, all'interno del quale bisogna collocare le miniature 3D dei monumenti - a loro volta da comporre, come se fossero un puzzle tridimensionale - seguendo gli indizi multimediali proposti da un'App.
Un'iniziativa dietro cui ci sono due ragazzi- una storica dell'arte e uno sviluppatore informatico - ma che sta creando un network di professionisti, coinvolgendo informatici, insegnanti, comunicatori, storici nei diversi progetti. Un'idea che partita da Teramo ma che, pian piano, sta contagiando anche altre zone del Paese.

CON LA REALTA' VIRTUALE SI "ENTRA" NEL BAROCCO. invece l'arte barocca la grande alleata di Arte Amica, startup di Lecce che ha deciso di proiettarsi nel futuro per ricondurre le persone alle radici della cultura italiana. L'arma utilizzata quanto di pi nuovo possa offrire la tecnologia: la realt virtuale. Nasce cos il sistema di visita immersiva a 360 Amica VR: un visore low cost - costruito in legno (da qui il nome Woodboard, tavola di legno) e da assemblare in pochi passaggi, per adattarlo alle dimensioni del display del proprio dispositivo mobile - e una serie di App sviluppate in Realt Virtuale, dedicate a singole citt del Salento. In questo modo si potr entrare dentro i monumenti, conoscendone la storia proprio mentre si stanno osservando. Ma i quattro amici che hanno dato via ad Arte Amica non sono nuovi a iniziative del genere. Gi tre anni fa avevano lanciato il progetto "Citt Amica", 11 App e oltre 105 punti d'interessi mappati per raccontare in maniera innovativa e multimediale (con audioguide, percorsi, consigli) la provincia di Lecce e le sue bellezze; ogni App una citt diversa (vere proprie perle come, ad esempio, Gallipoli, Otranto, Nard); le stesse applicazioni che oggi si stanno trasformando in realt virtuale. E pensare che era nato tutto quasi per gioco, con un'associazione per il rilancio del capoluogo pugliese.



news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news