LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. L’emeroteca abbandonata perde l’ultimo custode
Antonio Passanese
Corriere fiorentino 17/8/2016

È scomparso Sergio Marchini, 70 anni di cui 40 anni passati alla Biblioteca Nazionale e dal 1992 direttore dell’emeroteca al Forte di Belvedere, chiusa da 3 anni, da quando era andato in pensione.

Un «vecchio comunista» con due passioni: per quella Biblioteca che «sentiva sua», e che aveva «cercato di salvare» da Angelo del Fango, e per i fumetti. Questo era Sergio Marchini, l’ultimo custode dell’emeroteca della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze — che dal 1992 ha la sua sede al Forte di Belvedere e che conserva tutti i giornali, le riviste e i fumetti stampati in Italia dall’Unità al 1984— scomparso il 12 agosto a 70 anni per un infarto, nonostante non avesse mai avuto problemi di cuore.

Tredicimila metri di palchetti, quasi 50 mila testate e una collezione unica che Marchini conosceva «come le sue tasche», ricorda la vice direttrice della Nazionale, Silvia Alessandri. Sergio Marchini era andato in pensione nel 2012 e da allora nessuno più ha messo piede nell’emeroteca: se il deposito dei giornali era già in un preoccupante stato di abbandono, ora che anche Marchini è venuto meno, senza poter trasmettere il suo bagaglio di competenze ed esperienze a chi lo sostituirà, la situazione si fa ancora più complicata. E in Nazionale sperano di poter attingere dal nuovo concorso pubblico indetto dal Ministero per quest’anno, il primo in un quarto di secolo, per trovare un nuovo responsabile.

Il suo ruolo era tanto determinante che nel 2013, dopo il suo pensionamento, in piazza de’ Cavalleggeri si erano visti costretti a bloccare la consultazione delle riviste, preziose collezioni di grandi e piccoli quotidiani e persino di bollettini parrocchiali: un universo di storie ingiallite dal tempo che Marchini era riuscito a recuperare e a rendere consultabili, ora chiuso. Di tutta quella montagna di materiale l’ex direttore se n’è occupato per 40 anni, dal giorno dopo essere entrato in servizio alla Nazionale, subito dopo l’alluvione di Firenze, che lui aveva vissuto da Angelo del Fango.

Quaranta anni di vita lì dentro, con tanti ricordi, aneddoti e storie che Sergio Marchini amava raccontare ai suoi colleghi e ai suoi familiari. L’emeroteca ora è inaccessibile per questioni di sicurezza, ma la vice direttrice Alessandri assicura che entro l’anno nell’ex polveriera del Forte, che ora ospita i periodici, saranno eseguiti dei piccoli lavori di manutenzione per far sì che «si possa tornare a consultare quel prezioso materiale. La nostra aspirazione, anche grazie ai finanziamenti del ministero, è che tutto quel patrimonio venga spostato nella caserma di via Tripoli. Ma ci vorrà del tempo, non so quanto…». Marchini, nonostante la pensione, per la Nazionale era comunque un punto di riferimento per l’organizzazione degli eventi sul cinquantesimo dell’alluvione, ma era anche «un archivio vivente», e aveva una memoria fuori dal comune, tanto da ricordare in modo preciso perfino il punto e lo scaffale esatti in cui erano state catalogate anche le riviste meno conosciute.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news