LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SALERNO - Cinquanta milioni per gli abbattimenti
di Clemy De Maio
18 agosto 2016 La città di Salerno

SALERNO Cinquanta milioni, e non basteranno. La cifra è quella del fondo per la demolizione degli immobili abusivi, previsto da un disegno di legge approvato alla Camera e di ritorno al Senato. Servirà ad aiutare i Comuni, che attualmente si rivolgono alla Cassa depositi e prestiti, a reperire ulteriori risorse per gli abbattimenti, da restituire entro dieci anni. Ma secondo gli addetti ai lavori anche questa novità rischia di non essere sufficiente se non sarà accompagnata da modifiche normative che rendano più rapido l'utilizzo delle risorse e, soprattutto, consentano di recuperare almeno parte delle spese dai privati responsabili dell'illecito. Il sequestro dei beni. La Procura generale di Salerno ha chiesto per questo che la misura del sequestro conservativo dei beni possa essere applicata anche prima della richiesta di rinvio a giudizio, per evitare che nelle more del procedimento l'indagato si depauperi del suo patrimonio e impedisca allo Stato di rivalersi su di lui per i costi dell'abbattimento e del ripristino dei luoghi. Per il procuratore generale Leonida Primicerio, che questa proposta l'ha illustrata alla commissione Giustizia della Camera nel corso delle audizioni sul disegno di legge, blindare i beni dell'indagato sarebbe un utile deterrente all'abusivismo edilizio e un efficace strumento per contenere i costi a carico di Stato e Amministrazioni comunali, che ora riescono di rado a rivalersi sul privato. Si tratterebbe di far seguire ai sigilli al manufatto abusivo (magari dopo che questi siano stati confermati dal Tribunale del Riesame) un sequestro conservativo su altri immobili e conti, per un importo pari a quello che si stima necessario per provvedere all'abbattimento in caso di sentenza definitiva di condanna. «Al momento questa misura si può chiedere solo con l'esercizio dell'azione penale, quindi in un momento in cui l'imputato potrebbe essersi già liberato dai beni da sequestrare anche mediante l'interposizione fittizia di terzi» ha spiegato Primicerio. Casistica alla mano, adesso il corto circuito è sistematico: «Nella maggior parte dei casi in cui si perviene alla demolizione coattiva per iniziativa dell'autorità giudiziaria – ha aggiunto il procuratore generale – le spese anticipate dallo Stato (mediante stanziamento delle somme richieste dai Comuni alla Cassa depositi e prestiti) non vengono di fatto mai recuperate nei confronti del condannato, il quale nel frattempo si è quasi sempre spogliato dei suoi beni rendendosi nullatenente». Il fondo di rotazione. In questo contesto si teme che finisca per evaporare in fretta anche la dotazione di cinquanta milioni di euro che il legislatore vorrebbe destinare alla demolizione degli abusi. Le modalità di erogazione non sono ancora definite; nel disegno di legge si spiega che sarà il ministro delle Infrastrutture a stabilirle per decreto, di concerto con quelli dell'Ambiente e dei Beni culturali, e che i versamenti saranno accompagnati da una convenzione che prevede la restituzione delle somme in dieci anni. Si dispone inoltre che entro ogni dicembre i Comuni debbano comunicare a Stato e Regioni (oltre che al prefetto) l'elenco delle opere non sanabili per le quali il responsabile dell'abuso non abbia provveduto nel termine previsto alla demolizione e al ripristino dei luoghi e per le quali sia inutilmente decorso l'ulteriore termine di 270 giorni, entro il quale l'amministrazione comunale è tenuta a concludere il procedimento di tutela del vincolo. Le linee di finanziamento. Destinatari dei fondi sono già adesso i Comuni, che vi attingono chiedendo anticipazioni alla Cassa depositi e prestiti. Ma non sempre l'iter va spedito, anzi gli intoppi burocratici si nascondono in più pieghe della procedura e hanno innescato una sorta di contenzioso con la magistratura, che chiede di poter fare da sola attingendo in forma diretta a un capitolo di spesa del Ministero della giustizia. Il procuratore generale di Salerno lo ha ribadito ai parlamentari: «Adesso l'attuazione dei programmi concepiti dall'autorità giudiziaria viene ad essere fortemente rallentata e condizionata dalla farraginosità dei meccanismi amministrativi e, non raramente, dalla scarsa collaborazione degli enti locali». La soluzione proposta è quella di consentire al pubblico ministero incaricato dell'esecuzione della sentenza di procedere in proprio, «anche per restituire alla giurisdizione una più ordinata pienezza ed effettività dei propri poteri sanzionatori».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news