LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE-Nuovo affondo di Schmidt “Per la loggia agli Uffizi pronto a un referendum”
GAIA RAU, MASSIMO VANNI
Repubblica, 19/08/2016

Dopo l’appello alla politica per “non essere lasciato solo” il direttore del museo rilancia “Il progetto di Isozaki è fermo da vent’anni”.



Un fantasma si aggira per i beni culturali di Firenze. Era il 1998 quando l’archistar giapponese Arata Isozaki sbaraglia Mario Botta, Norman Foster, Gae Aulenti e Vittorio Gregotti e si aggiudica il concorso internazionale di progettazione della nuova uscita sul retro degli Uffizi. Lo fa con una grande loggia in pietra serena, acciaio e vetro, alta 24 metri, che richiama la Loggia dei Lanzi a fianco di Palazzo Vecchio. Dopo quasi vent’anni e mille polemiche, quel progetto è però ancora sulla carta.
Anzi, nessuno sa se verrà mai realizzato. E adesso, il teutonico direttore degli Uffizi Eike Schmidt, che appena il giorno prima aveva detto al
New York Times di essere stato messo a fare «il lavoro sporco», spiegando che il suo compito è «fare delle scelte », si rivolge a quello stesso ministro, Franceschini, che con l’introduzione dell’autonomia lo ha portato dov’è, alla guida della più importante pinacoteca d’Italia: «Il governo deve decidere, se qualcuno non vuole più la loggia dovrà metterci la faccia».
Schmidt ha fatto di più, si è spinto perfino ad ipotizzare un referendum sul progetto di Isozaki. Che per la verità ha lasciato molto freddo Palazzo Vecchio, il cui sindaco Dario Nardella, diversamente da Matteo Renzi, si è sempre mostrato dubbioso: «Quel progetto non è più contemporaneo», disse appena insediato. Un pensiero critico che si aggiunge ai detrattori storici del progetto, da Franco Zeffirelli («È uno sgabello)») alla scomparsa Oriana Fallaci (che minacciò di incatenarsi) fino a Vittorio Sgarbi («È una rete da materasso»), che da sottosegretario ebbe anche un ruolo attivo al tempo della prima bocciatura ufficiale, nel 2001, confermata dalll’allora ministro Urbani.
Un no però non definitivo, visto che come responsabile dei beni culturali Francesco Rutelli si adoperò per sbloccare la pratica, al punto che nel 2007 la loggia Isozaki fu inserita nel secondo lotto dei Nuovi Uffizi, il progetto di ampliamento della galleria. Da allora la loggia è rimasta come sospesa nel vuoto, al punto da scomparire dal cronoprogramma dei lavori del museo, con la motivazione della mancanza della copertura finanziaria stimata in 6,5 milioni di euro. Si farà, non si farà?
Per il direttore Schmidt è tempo di prendere una decisione: «I lavori per i Nuovi Uffizi stanno procedendo e presto, nel giro di un anno e mezzo, due al massimo, arriverà il momento in cui dovremmo procedere alla sua realizzazione, considerando che Isozaki è il vincitore di un concorso regolarmente bandito». E se qualcuno non la vuole più, «non solo dovrà metterci la faccia ma anche i soldi, perché un risarcimento potrebbe far lievitare i costi di alcune decine di milioni di euro», aggiunge il tedesco Schmidt. «Nessuno ci ha mai detto o scritto che non si fa», sostiene Andrea Maffei, braccio destro in Italia di Isozaki. «Stiamo aspettando che si concludano i lavori del museo per liberare il cantiere e partire con la loggia», aggiunge Maffei. Confermando che qualche rischio finanziario potrebbe esserci: «Se all’uscita degli Uffizi vogliono farci qualcosa di diverso, valuteremo con i nostri legali», aggiunge Maffei. Si schiera l’Ordine degli architetti di Firenze: «Dopo quasi vent’anni qualcuno si dovrebbe assumere una volta per tutte la responsabilità».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news