LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Palù restituisce reperti del Neolitico
di Sigfrido Cescut
19 agosto 2016 IL MESSAGGERO VENETO

Caneva, campagna di scavi chiusa con eccellenti risultati Prossimo obiettivo degli archeologi localizzare la necropoli


CANEVA. Una pintadera, ovvero un disco in ceramica, con un disegno geometrico a spirale, usata probabilmente per decorare tessuti di lino, assieme al contrappeso da telaio, sono stati i due oggetti particolari risalenti al Neolitico recente, 3.800-3.700 a.C., rinvenuti in questi giorni, assieme a tanti altri reperti, a conclusione della campagna di scavi sul sito palafitticolo di Palù del Livenza. A distanza di tre anni, con la direzione di Roberto Micheli, della Soprintendenza regionale, è stato aperto in luglio il cantiere gestito dalla società Cora ricerche di Trento con gli archeologi Nicola De Gasperi, Monica Dal Molin, Martina De March e Giacomo Vinci. Sin dall’inizio, gli studiosi hanno individuato una rilevante area di scavo, già sondata nel 2013, e ora analizzata sino al suo ottavo strato di torba, su un terreno adiacente al rio che passa vicino all’Infopoint del Palù. Si sono impegnati anche gli appassionati polcenighesi di archeologia del Grapo, sodalizio presieduto da Martina Janes.

Patrimonio dell’Unesco dal 2011, il Palù ospitava il più antico insediamento palafitticolo dell’Italia settentrionale. E sempre nel Palù sono stati rinvenuti strumenti litici, per lo più selci, nonché reperti di varia natura: dai resti delle palafitte a quelli di armi primitive, di strumenti domestici, assieme a ossa animali di vario genere. Gli ultimi scavi hanno entusiasmato gli archeologi. Sono emersi pali e basamenti della palafitte. Assieme alla pintadera e al contrappeso da telaio sono state recuperate notevoli quantità di punte di frecce, lance in selce, ossa di animali domestici e selvatici, tanti semi, vari resti di doli e otri in ceramica che li custodivano. A facilitare il lavoro, un sistema di drenaggio e un’idrovora che scarica l’acqua nel vicino rigagnolo.

«Sono state riscontrate – ha riferito Roberto Micheli domenica di fronte a un numeroso pubblico – particolari condizioni favorevoli per la conservazione di reperti e materiali del Neolitico grazie al terreno umido e torboso. Gli oggetti recuperati, in ottime condizioni, finiranno all’archeomuseo di Torre e in tanti altri istituti archeologici per essere analizzati dagli
esperti, che otterranno informazioni molto più complete di quanto avvenga nei siti archeologici all’asciutto». Si spera che la Soprintendenza friulana possa al più presto finanziare nuove campagne di scavi al Palù, magari portando alla scoperta della necropoli.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news