LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Collemaggio, salvi i giochi di luce: cambia il progetto?
di Michela Corridore
20 agosto 2016 IL CENTRO

L'AQUILA I tecnici della Soprintendenza unica per L'Aquila e il cratere, diretta da Alessandra Vittorini, sono al lavoro per salvare il gioco di luce che si crea all'interno della basilica di Santa Maria di Collemaggio nel giorno dell'Assunta, il 15 agosto. A rivelarlo è il direttore dei lavori della chiesa, l'architetto Antonello Garofalo, che proprio nei giorni passati è andato personalmente a verificare il fenomeno che in questi giorni ha tanto fatto parlare la città. Sulla questione ha puntato l'attenzione già in più occasioni Maria Grazia Lopardi, studiosa e scrittrice che da anni si occupa del simbolismo della chiesa. Da più di un mese, inoltre, è stata lanciata una petizione on line per salvare il gioco di luce a cui hanno aderito circa 1200 persone. «Il crollo dei pilastri a causa del terremoto del 2009 ha reso possibile nel giorno dell'Assunta uno spettacolo emozionante», ha spiegato Lopardi, promotrice della petizione. «Il 15 agosto, sull'abside, sembra apparire la Donna vestita di sole, Maria Assunta, nell'istante che precede il tramonto. Per mantenere questo gioco di luce nel ricostruire l'arco occorre rialzarlo rispetto a quello crollato, che invece era in linea con un più basso soffitto barocco non più esistente». Il suggestivo fenomeno sembra aver convinto anche Garofalo, inizialmente scettico. «Sono andato la sera di Ferragosto a verificare quanto accade», spiega. «Effettivamente, il fascio luminoso arriva a una certa altezza solo al tramonto. In quel momento si stabilisce il rapporto tra la luce e lo sfondo, creando un'immagine che negli altri momenti della stessa giornata e negli altri giorni dell'anno non è possibile vedere. Questo ci fa ritenere che l'architettura della basilica possa essere stata pensata per fare in modo che questa immagine della Madonna, cui è dedicata la chiesa, si creasse proprio in quel momento del giorno dell'Assunta, quando il sole tramonta e prende una certa direzione». È per questo motivo che si sta cercando la soluzione più idonea per mantenere l'effetto luminoso. «Vorremmo trovare un modo che permetta di ammirare il fascio luminoso di luce superando gli ostacoli che c'erano prima del crollo parziale dell'edificio, senza compromettere la bellezza della chiesa», continua Garofalo. «Prima del 2009 il fascio luminoso non poteva arrivare sul finestrone dell'abside poiché glielo impediva l'arco trionfale piuttosto basso. Con il crollo di quest'ultimo il fenomeno è evidente a tutti, nonostante le condizioni in cui versa la basilica. Perché il fenomeno non si perda bisogna studiare una soluzione adatta. Qualcuno aveva proposto la realizzazione di un arco gotico, che sarebbe stato a mio avviso decontestualizzato. Bisogna ammettere, però, che il vecchio arco era piuttosto ribassato: si potrebbe riproporre un arco a tutto sesto più alto, senza stravolgere nulla. Si tratta, in ogni caso, di una delle ipotesi da verificare: lo studio è ancora in corso e cercheremo di trovare la soluzione più adatta al luogo». Una soluzione che senz'altro sarà gradita ai tantissimi aquilani che hanno apposto la propria firma sulla petizione che presto arriverà direttamente sul tavolo del ministero dei Beni culturali.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news