LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CASERTA - Basta veleni: così reggo la Reggia, di Caserta
Claudia Arletti
19 AGOSTO 2016, LA REPUBBLICA

Da dieci mesi Mauro Felicori guida la Versailles d’Italia. Accusato di «lavorare troppo», continua a farlo. E si definisce «un direttore da marciapiede». Lo abbiamo incontrato

CASERTA. «Sono un direttore da marciapiede» dice sornione Mauro Felicori, «parlo con tutti, accetto su Facebook l’amicizia di tutti, rispondo a tutti e non mi fermo mai»; in effetti, il direttore della Reggia di Caserta lavora undici ore al giorno, con un ritmo che, al suo arrivo, i sindacati avevano trovato disdicevole e massacrante - non tanto per lui quanto per i propri iscritti, costretti a restare in servizio fino a tardi. Raggiungere il suo ufficio luminoso e un po’ spoglio obbliga a un viaggio nell’immensità, su per scaloni di marmo, fra sale sontuose (1.200) e finestroni (1.760) maestosi come palazzi. Felicori ha 64 anni, è sposato e ha due figlie, studentesse. Per decenni è stato un dirigente del Comune di Bologna; poi, ha risposto al bando internazionale voluto dal ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini e così dieci mesi fa si è ritrovato qui, nel profondo e permalosissimo Sud, con la missione di rimettere in moto la Reggia dei Borbone, sempre più povera di visitatori e sempre più male in arnese, invasa dai piccioni, dai venditori di paccottiglia e talora dai pusher, un castello in lenta rovina piantato in mezzo a un deserto.

I sindacati le hanno perdonato i suoi orari di lavoro?
«Considero quella famosa lettera di protesta una scossa di assestamento. Erano abituati a cogestire, ma la cogestione ha dato risultati fallimentari. La manutenzione ordinaria era da anni al di sotto del minimo necessario. Tutto così sporco, tutto così trascurato... Non che ora le cose siano perfette, c’è parecchio da fare, per esempio cacciare via i piccioni si conferma un bel problema, e anche tenere puliti i 120 ettari del Parco non è uno scherzo».

Come fa? Decide tutto lei?
«Il contratto dice che su certe cose si concerta, su altre si informa e su altre ancora decide il direttore».

Esempio.
«Prendiamo proprio il Parco. Senza mettere mano ai turni, ho potuto allungare di mezz’ora l’orario di apertura, portandolo alle 19. Ma se volessi arrivare alle 20, cosa d’estate auspicabile, bisognerebbe cambiare l’organizzazione del lavoro: e questa è materia di concertazione. Poi, mi piacerebbe tenere aperto sette giorni su sette. E allungare l’orario in estate, per ridurlo in inverno, quando alle
19 non c’è più nessuno. D’estate vorrei anche fare pagare di più e d’inverno abbassare il prezzo, per attirare le scolaresche, che oggi si concentrano in primavera...».


(continua sul Venerdì del 19 agosto 2016)



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news