LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. B&b, la rivolta dei vicini: 200 segnalazioni in un anno. «Fate denuncia su Iris»
Corriere del Veneto 21/8/2016

L’appello di Agostini dopo il caso del palazzo affittato abusivamente

VENEZIA. Non è Barcellona, ma poco ci manca. Contro affittacamere e b&b abusivi monta la rabbia dei vicini. E le loro denunce. Ogni settimana i vigili ricevono quattro segnalazioni, sono circa 200 l’anno. Proprio da una segnalazioni dei vicini è partita l’indagine che ha portato alla scoperta del palazzo di San Pietro di Castello, affittato nei siti delle dimore pregiate per cifre fino a 25 mila euro a settimana, ma sconosciuto al Fisco e al Comune.

Ogni segnalazione viene controllata con verifiche incrociate e poi con le indicazioni date dal cittadino che ha il sospetto che il b&b o l’affittacamere sia abusivo. Duecento l’anno sono abbastanza, ma il comandante dei vigili Marco Agostini ai veneziani chiede più collaborazione. «Le segnalazioni sono importanti, da sette anni c’è Iris (il portale su cui segnalare disservizi e problemi al Comune, ndr) che ha anche una sezione dedicata alla sicurezza - dice - i cittadini sono stati fondamentali per arrestare a Marghera uno spacciatore con 4 etti di eroina. Si faccia lo stesso per il fenomeno dell’abusivismo nell’extra-alberghiero». Venezia non è meno attrezzata di Barcellona, dove il sindaco Ada Colau, balzato alle cronache per aver dichiarato: «Non diventeremo come Venezia», ha creato un sito per le denunce dei residenti e in nemmeno un mese ci sono state più di 500 segnalazioni. «Noi abbiamo Iris - spiega Agostini - basta usarlo non solo per le buche sulle strade». La polizia municipale ha cambiato organizzazione del lavoro per questo settore: ci sono tre vigili ad hoc a cui vengono affidate tutte le denunce. Sono loro che svolgono controlli sulle banche dati: la media è di un 20 per cento di segnalazioni corrette.

Il contributo degli abitanti potrebbe facilitare la lotta contro chi affitta irregolarmente a turisti come è successo per il palazzo di Pietro a Castello.

Da maggio, grazie alla collaborazione tra polizia municipale e Guardia di finanza, sono stati stanati 129 appartamenti turistici sconosciuti all’amministrazione e al fisco. Nel 2015, i controlli dei vigili a 686 strutture avevano fatto scoprire 127 irregolarità, nel 2014 gli accertamenti erano stati a 824 e le violazioni 126, mentre l’anno prima c’erano state 575 verifiche e 136 abusi.

«Siamo preoccupati per la situazione in cui versa Venezia - commenta Marcello Umberto Del Majno, presidente dei Comitati privati che finanziano restauri in città - nella nostra ultima raccomandazione abbiamo chiesto di introdurre il numero chiuso a San Marco, tutti devono capire che è stato superato il limite». I turisti sono troppi e la convivenza con i residenti, in continua diminuzione, è sempre più difficile. «Il problema è semplice: perché un proprietario dovrebbe affittare a veneziani se guadagna di più con i turisti? - dice Del Majno - in Svizzara, a Saint Moritz, il 60 per cento delle case va per legge ai residenti e la quota delle seconde case non può superare il 40 per cento. Se non ci sono quote a disposizione, al massimo un turista può affittare». Costi di manutenzioni e restauro e imposte alle stelle disincentivano anche per Giancarlo Tomasin, decano dei commercialisti veneziani, la locazione residenziale. «Restauri milionari non si ripagano con affitti da 600 euro, va riportato lavoro a Venezia e va favorita la residenza con mutui agevolati per chi vuole acquistare e sgravi per chi affitta - dice - Il turismo è problema delicato, serve equilibrio perché in città non c’è altra attività, non è più come quarant’anni fa, allora avevamo una piccola “city” di banche, società quotate in borsa e multinazionali». Nel gruppo Facebook «Boca de leon, raccolta di denunce di Venezia» il presidente degli albergatori di Ava Vittorio Bonacini ieri ha segnalato: «Qualsiasi cosa avvenga a Venezia ha impatto mondiale, i cartelli “turisti andatevene” sono già noti all’estero e influenzeranno chi dorme qui, non i “mordi e fuggi”». Ieri, in effetti, il quotidiano britannico The Times ha pubblicato un articolo che riferisce come a Venezia i turisti non siano più benvenuti.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news