LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Ora un restauro esemplare per rimediare agli errori"
21 agosto 2016 LA REPUBBLICA



«NON è un mistero che sia molto legato a Bari, ma la città che amo dovrebbe prendersi cura dei pezzi della sua storia più antica, a cominciare proprio dalla muraglia, e pensare di governarne la salvaguardia e la valorizzazione. Ci deve essere manutenzione e capacità di programmare interventi che non siano casuali ma affidati a qualcuno che sappia guardare all'antico con professionalità e cultura». Sono queste le parole di Amerigo Restucci, già rettore fino a tre mesi fa dello Iuav (Istituto universitario di architettura di Venezia) e ora presidente della Fondazione universitaria di Venezia, dinanzi alla muraglia di Bari che si sgretola.

Professore, qual è la posta in gioco?

«Rispetto alle città meridionali Bari è una delle poche che ancora conserva le sue mura medievali e i suoi castelli, sia il normanno svevo che il Fortino. A est e ovest la città aveva due punti fortificati, fortunatamente giunti fino ai giorni nostri. Questo dato di fatto dovrebbe far riflettere chi ha governato o governa la città, visto che lo stato odierno delle cose è evidentemente frutto di disattenzione da parte di chi se ne sarebbe dovuto occupare. Ed è grave perché si tratta di un segno identitario della città molto forte ».

Che fare allora?

«La muraglia ha bisogno urgente di manutenzione e tutela. E qui si aprono alcune considerazioni. Se si interviene con le tecniche del restauro conservativo, bisogna riprendere gli stessi materiali che la caratterizzano, ovvero la calcarenite tufacea. Un'accortezza che non sempre è stata rispettata. Tant'è che a metà della muraglia è visibile l'innesto con altri materiali che certo non colloquiano bene con i segni della storia. A questo punto, mi pongo una serie di domande».

Vale a dire?

«La soprintendenza ha inserito il restauro delle mura nei finanziamenti ordinari? O si è messa unitamente, al Comune e alla Regione, alla ricerca di un finanziamento straordinario? Sono domande che mi pongo perché ritengo che si possa aprire una riflessione perché, magari, si utilizzino i finanziamenti europei messi a disposizione da un progetto rivolto proprio al restauro delle mura e dei castelli delle città del Mediterraneo, a cominciare dall'uso dei materiali originari».

Una possibilità reale?

«Immagino di sì. Ora Bari potrebbe essere antesignana di un progetto per il recupero della sua memoria e rilanciare all'esterno, nel resto d'Italia e non solo, un segnale importante di cultura. Sarebbe un modo anche per "rimediare" a certi errori del passato» A cosa allude?

«A una città che uscita dal suo aspetto medievale attraverso l'avvio della costruzione di una città nuova con il Murattiano e che poi, nella seconda metà del '900, ha conosciuto uno sviluppo tanto caotico quanto disordinato ».

E del completamento del restauro di Santa Scolastica, con la riapertura del museo archeologico che ne dice? Sarebbe dovuto accadere entro la fine del 2015, ma il cantiere è ancora lì.

«Quando si parte nei colloqui con la storia bisogna chiuderli in fretta, altrimenti la ferita langue. Non so davvero se, in questo caso, si tratti di un problema nel reperimento delle risorse o di incapacità nella realizzazione. Alle mura e alla storia di Bari aveva guardato già con attenzione e rispetto, secoli fa, Federico II quando intervenne sul castello facendo lavorare i suoi migliori artisti come Nicola Pisano, diventato celebre poi il pulpito nel duomo di Siena. Solo per dire che, chi aveva governato nel passato, aveva messo al lavoro uomini capaci. Diciamo che, adesso, non c'è più tempo da perdere».

Qual è la sua preoccupazione?

«Che una volta per tutte si riesca finalmente a mettere a dimora le memorie di questa città. A Bari arrivano le grandi navi da crociera e migliaia di turisti, portati poi a visitare i trulli di Alberobello o le grotte di Castellana. Possibile che non si debba offrire loro qualcosa da vedere a Bari? E non è confortante sapere che l'Archeologico sia ancora in attesa di un'identità. Bisogna restituire dignità espositiva ai pezzi della storia di Bari, non tenendoli più chiusi nei depositi. È un discorso che vale anche per la pinacoteca, che conserva bellissime opere e meriterebbe soltanto di essere vista da un più congruo numero di visitatori»

(a.d.g.).




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news