LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Perché il commercio è la piaga dell'arte
Cesare De Seta
21 agosto 2016 LA REPUBBLICA



Roger Fry (1866-1934) fu un'intelligenza eclettica non solo per i contributi specialistici di storico dell'arte sui Primitivi italiani, su Giovanni Bellini fino a Cézanne e fu lui a coniare la dizione di Postimpressionismo: la promessa di una nuova arte, titolo di un suo libro. Ma fu tra i primi a mescolare le carte del composito mondo delle arti del suo tempo. Solo la grande scuola di Vienna, con Alois Riegl in testa, ebbero tanto ardimento e sono molti i debiti che la storiografia artistica ha contratto con lui. La raccolta di cinque saggi (1916-26) Incorrotta gioia. Scritti sull'arte, il commercio e lo Stato, a cura di Paolo Martore, Castelvecchi, è una lettura ricca di sollecitazioni e per molti aspetti non affatto invecchiati. Nella densa prefazione Craufurd D. Goodwin ricorda che Fry aveva studiato scienze naturali all'Università di Cambridge, di qui la sua destrezza nel parlare con acume di argomenti che potevano (e possono) apparire così lontani tra loro. Il mercato e il mecenatismo come prima forma di accumulazione capitalistica, la rapacità di quelli che chiama i "plutocrati" – cioè i dominatori della società industriale trionfante – la debolezza dello Stato committente troppo spesso arretrato di musei o di pubbliche architetture. Nel 1913 fondò il laboratorio di design Omega e l'analisi che lui fa dei fruitori d'arte è di rara perspicacia e li divide in categorie che sono ancora attuali: gli snob, i borghesi e i veri cultori d'arte, che al pari dei veri artisti erano e saranno sempre rivoluzionari e anarchici. Il mercantilismo è la piaga che mina alle radici l'arte, ma nel XIX secolo si verificò una vera e propria rinascita di un'arte libera da qualunque prigione accademica e del tutto indifferente al mercato: di qui la sua propensione per quel vasto territorio della creatività artistica che si ebbe in Francia che lui studiò con passione, sottolineando la mediocrità dei Salons e della commesse pubbliche. Di qui un capitolo dedicato all'Esigenza del superfluo, perché "l'arte non serve a nulla", serve soltanto a sollecitare lo spirito di chi ha la sensibilità di riconoscerla. Scrive pagine sferzanti sui musei tedeschi e inglesi: raccolte disuguali di orribili "opefatti" e magari di splendide opere. Belle sono le pagine distribuite in questi saggi sull'educazione all'arte che è una pratica socialmente poco utile, «perché non è chiaro se l'arte possa o meno essere insegnata», ma distinse precocemente l'educazione all'arte dallo studio della storia dell'arte. Malgrado l'ammirazione per Rusckin e Morris fu ostile alla tradizione socialista e fabiana. In una mente geniale come quella di Fry non mancano le contraddizioni perché nel corso di una vita operosissima passò di palo in frasca, ma l'ammirò Wirignia Woolf che ne scrisse una biografia (1940), affascinata dall'intelligenza anticonformista di questo suo amico.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news