LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Mose, sabbia e detriti. Le paratoie fanno flop
di Alberto Vitucci
23 agosto 2016 LA NUOVA VENEZIA



Al primo test dopo due anni il sistema non ha funzionato. Danneggiate anche due alette in acciaio. Il commissario Magistro: "Stiamo rimediando"

VENEZIA. Sorpresa: le paratoie del Mose non si alzano. Dopo oltre due anni di inattività detriti e sedimenti hanno bloccato il meccanismo. E al primo test di sollevamento il sistema ha fatto flop. Ammissioni e imbarazzi al Consorzio Venezia Nuova per il nuovo incidente che rischia di compromettere la credibilità del sistema. «Stiamo accertando quanto successo e abbiamo predisposto un sistema di monitoraggio continuo e di pulizia dei cassoni», dice il commissario Luigi Magistro. Perché il Mose è un sistema progettato per stare sempre sott’acqua. Gli alloggiamenti delle paratoie, gli enormi cassoni in calcestruzzo posati sui fondali, sono dotati di pompe che dovrebbero soffiare via le sabbia e impedire blocchi. Ma non è successo.

Luigi Magistro uno dei commissari del...
Luigi Magistro uno dei commissari del Mose

Dopo la grande cerimonia-inaugurazione della primavera 2013, alla presenza del ministro Lupi, del governatore Zaia e del sindaco Orsoni, ma anche di tutti gli alti funzionari del ministero dei Lavori pubblici, le paratoie sembravano ultimate. Ma poi l’inchiesta e gli arresti hanno bloccato l’attività. L’ultimo test è stato fatto alla fine di maggio. L’ingegnere Francesco Ossola, commissario che si occupa della parte tecnica del governo del Consorzio, aveva salutato l’impresa come positiva, sottolineando il valore del test compiuto per la prima volta dal Consorzio, sotto la direzione dell’ingegnere Viviana Ardone. Prove che secondo i tecnici avevano dato «buon esito, passo importante verso la realizzazione del progetto Mose».

Un'aletta della paratoia danneggiata
Un'aletta della paratoia danneggiata

Ma con il passare delle ore è emersa l’amara verità. Due paratoie non hanno funzionato, non si sono nemmeno alzate. Poi per tornare sott’acqua la presenza dei detriti ha provocato un danneggiamento delle due alette in acciaio. Insomma, un disastro. Incidente che si somma ai tanti dell’annus horribilis 2015, con lo scoppio del cassone, l’allagamento, la rottura della porta della conca di Malamocco. Che pone inquietanti interrogativi sul funzionamento dell’opera e in particolare sulla manutenzione futura.

Non è difficile capire che un sistema che sta sott’acqua ha bisogno di manutenzione continua. Sabbie e detriti accumulati dalla corrente si incastrano nei meccanismi bloccandoli. Dunque la grande spesa della manutenzione, valutata fino a 80 milioni di euro l’anno, non dovrà soltanto coprire lo smontaggio periodico, la pulizia dalle incrostazioni e dalle alghe e la verniciatura delle 79 paratoie del Mose ancorate sotto le tre bocche di porto. Ma anche la pulizia continua dei fondali e delle intercapedini dove la corrente accumula sabbia e detriti. Un lavoro infinito e delicato. Se non viene fatto, come ha dimostrato l’ultimo incidente, il Mose non funziona.

Un intervento di pulizia su una paratoia
Un intervento di pulizia su una paratoia

Non è più teoria ma urgenza. Dal momento che a fine mese arriveranno dal cantiere croato di Spalato (Brodosplit) le ultime paratoie da montare in ottobre alla bocca di porto di Malamocco. Occorre dunque prevenire quello che potrebbe succedere con la mancata manutenzione. Un punto per cui la vecchia gestione aveva pensato di rimediare con la costruzione di una sofisticata macchina per la pulizia subacquea del costo di 30 milioni. Progetto ritenuto troppo costoso e bocciato dai commissari. Anche sulla base dell’esperienza di altre due macchine volute dal Consorzio ai tempi in cui il Magistrato pagava spese e richieste a pie’ di lista senza controlli. Due jack-up, navi attrezzate per la rimozione delle paratoie, dal costo di 110 milioni. Se n’è costruita una sola, che non ha mai preso il largo.

http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2016/08/23/news/l-opera-dello-scandalo-1.14001060


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news