LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il patrimonio culturale dopo la riforma Franceschini: «nave senza nocchiero, in gran tempesta»

Mentre anche la stampa estera rilancia le critiche sulla situazione dei 20 supermusei creati con la prima fase della Riforma Franceschini, la seconda fase si sta attuando nella più totale disorganizzazione.

Perdura, a distanza di oltre un anno, l’incertezza sulla distribuzione del personale alle varie sedi di nuova creazione, musei autonomi e poli museali, e nelle Soprintendenze miste, episodio, non ultimo, del vero e proprio disprezzo mostrato nei confronti di chi, funzionari e personale tutto, in condizioni sempre più difficili, ha continuato a garantire le funzioni di tutela e la fruizione del patrimonio. Allo stesso modo, del tutto ignote sono le sorti di biblioteche, laboratori, archivi e depositi delle ex Soprintendenze archeologiche ora cancellate, con grave rischio per l’efficacia dell’attività degli organi sul territorio.

Invece del favoleggiato rilancio del sistema in termini di maggiore operatività e qualità dei servizi ai cittadini, siamo di fronte, in molti casi, alla paralisi.

“Esemplare”, rispetto all’approssimazione amministrativa con cui si è operato al Ministero, è il caso di Roma. L’ex Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale e l’area archeologica centrale, smembrata dalla riforma con la sottrazione del Museo Nazionale Romano, del Parco Archeologico dell’Appia Antica e di quello di Ostia e divenuta – nel frattempo – Soprintendenza “olistica”, si trova in uno stato che non esitiamo a definire di caos organizzativo ai limiti del grottesco.

Solo da poche settimane, dopo oltre sei mesi di incertezze, nelle more dell’espletamento del concorso per i nuovi direttori, le sedi del Museo e dei Parchi sono state assegnate con interim a dirigenti interni, in alcuni casi del tutto estranei, per competenze, ai siti loro assegnati (e dopo che – con doppia giravolta – il Museo Nazionale era stato prima escluso e poi reinserito per la seconda volta nel procedimento del concorso internazionale).

La situazione è, se possibile, ulteriormente peggiorata: nessuna certezza sull’assegnazione del personale alle diverse sedi che, peraltro, in molti casi, non sono neppure state identificate fisicamente (del resto, ad oggi, neppure si sa con certezza dove sarà l’ufficio del Soprintendente ai beni culturali di Roma…), né risultano risolti i molti problemi logistici connessi al trasferimento: inevitabili in certa misura, ma certo non imprevedibili, segno ulteriore della totale mancanza di pianificazione con cui è stata gestita, dalla dirigenza tutta, questa fase delicatissima su cui si sta giocando il futuro di una delle Soprintendenze più importanti d’Italia per fondi e patrimonio, e punto di riferimento dell’archeologia classica a livello internazionale.

Si giunge al paradosso di funzionari che devono rispondere, nell’espletamento delle loro attività, a ben quattro differenti dirigenti. Sulle spalle dei funzionari, more solito, stanno ricadendo le molteplici aporie di una riforma calata dall’alto, senza alcun confronto con chi avrebbe dovuto attuarla e senza alcuna conoscenza della realtà delle cose. Una riforma elefantiaca e burocratica, che dimostra, ogni giorno che passa, la sua debolezza sul piano di un preteso “snellimento” del sistema.

Emergenza cultura denuncia la gravità di una situazione dovuta alla completa mancanza di programmazione e richiede, ancora una volta, una verifica dei meccanismi di applicazione della riforma immediata e trasparente: un gesto, finalmente, di elementare buon senso.

https://emergenzacultura.org/2016/08/23/comunicato-stampa-ec-23082016/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news