LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Oltrarno, il Comune: sì alla walk of fame
Claudio Bozza
Corriere fiorentino 24/8/2016

Bettarini apre all’idea. E annuncia: «Stati generali del turismo coi residenti, a Sant’Orsola»

«Sì alla walk of fame in Oltrarno, per valorizzare le botteghe e le eccellenze artigiane». Ma anche «un forum per coinvolgere i residenti nelle scelte sul turismo» che spesso sta diventando troppo pressante. Sono i due punti chiave dell’intervista a Giovanni Bettarini, assessore al Turismo di Palazzo Vecchio, che per metà ottobre ha convocato a Firenze gli Stati generali del turismo: «Sarebbe bello confrontarci a Sant’Orsola, simbolo della Firenze da far rinascere».

Firenze scoppia di turisti: solo ad agosto e luglio è stato registrato un aumento di circa il 2,5% rispetto al 2015, anno già incredibile per la calamita di Expo. Palazzo Vecchio dall’inizio dell’anno ha incassato un milione e mezzo in più grazie alla tassa di soggiorno, voce che a dicembre potrebbe addirittura sfiorare i 30 milioni complessivi. Una grande ricchezza, il turismo, che ha però bisogno di essere governata affinché non minacci l’identità delle città d’arte. E proprio per tutelare l’identità di un pezzo importante di Firenze sul Corriere Fiorentino Eugenio Tassini ha lanciato l’idea di creare in Oltrarno una sorta di walk of fame in stile Hollywood, dedicata alle botteghe eccellenti anziché ai divi: «Un’idea da portare avanti» dice l’assessore al turismo di Palazzo Vecchio Giovanni Bettarini, «molto interessante».

Assessore Bettarini, quelli del turismo sono numeri importanti per l’economia, ma sempre più di frequente l’orda di visitatori, spesso «mordi e fuggi», vìola il decoro della città. A Venezia i residenti hanno affisso volantini contro i turisti, raffigurati come maiali, Firenze a che punto è?

«Non vedo emergenze, per un motivo ben preciso: Firenze non vive solo di turismo, che rappresenta solo il 10 per cento del Pil cittadino, e le attività sono diversificate, anche a livello produttivo ed industriale grazie agli investimenti che vengono fatti. E poi credo che quando la tramvia sarà finita avremo davvero una città verde e proiettata nel futuro».

Però il problema di una città sotto assedio c’è. Non si potrà mettere il numero chiuso, però qualcosa dovrete fare...

«Certo. A metà ottobre convocheremo a Firenze gli Stati generali del turismo, per discutere le contromosse possibili. Stiamo pensando di organizzare questo confronto a Sant’Orsola: è il simbolo della Firenze da recuperare a tutti costi, e se sarà possibile dal punto di vista della sicurezza sarebbe bellissimo incontrarci tutti in San Lorenzo».

Cosa pensate di risolvere?

«Non sarà un evento-slogan, perché oltre ad albergatori, commercianti e operatori della cultura parteciperanno anche i residenti».

Residenti che in centro sono sempre meno...

«I numeri non dicono questo. Dicono che chi abita in centro soffre più di altri l’eccessiva concentrazione di turisti: per questo è giusto che i residenti possano dire la propria per risolvere queste criticità, con suggerimenti e possibili soluzioni ai problemi».

Ma Palazzo Vecchio a quali soluzioni sta pensando per diminuire questa pressione?

«Il numero di turisti sta aumentando anche in bassa stagione. Questo è un dato interessante, che non viene per caso, ma è frutto di una politica di “destagionalizzazione” che abbiamo messo in atto per evitare eccessive concentrazioni di visitatori, spalmandoli anche nei mesi più tranquilli, organizzando eventi e mostre come quella di Ai Weiwei, che inizierà il 23 settembre a Palazzo Strozzi. I primi frutti li stiamo già raccogliendo».

Eugenio Tassini, sul Corriere Fiorentino , ha proposto di creare una passeggiata hollywoodiana in Oltrarno, un’idea contro il degrado dell’omologazione turistica delle pizzerie al taglio e dei negozi di souvenir. Non si celebrerebbero Humprey Bogart o John Waine, bensì i maestri di restauro, artigiani e uomini e donne delle botteghe.

«È una buona idea, tanto che già nei mesi scorsi ho incontrato un’azienda che si occupa di installare segnaletiche orizzontale per indicare le botteghe ed esaltare le eccellenze dell’Oltrarno. Mi avevano proposto di installare a terra delle targhe di ottone per attrarre l’attenzione ed indirizzare i visitatori verso le botteghe. Vedremo di passare dalle parole ai fatti, ma prima dovremo individuare un simbolo forte per ogni tipologia di eccellenza da associare alla targa a terra. Intanto segnalo che al Conventino stanno ripartendo nuove botteghe dopo le difficoltà».

Come va la lotta agli albergatori abusivi, un altro problema legato al turismo?

«Direi molto bene. L’accordo con Airbnb, la più importante piattaforma Internet per trovare un letto in città, sta funzionando. In tanti hanno iniziato a pagare, ancora non è abbastanza, ma bisogna fare ancora di più».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news