LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cosa ci insegna quella mostra su Annibale
PASQUALE CASCELLA*
La Repubblica del 25 agosto 2016.






EPPURE qualcosa è mancato a quei turisti che a Ferragosto hanno trovato le porte chiuse all'Antiquarium di Canne. Il sito archeologico lo hanno dovuto raggiungere in proprio, forse sospinti dalla suggestione della mostra "Annibale, un viaggio" che il Comune ha allestito nei sotterranei del Castello di Barletta puntando a valorizzare l'insieme del ricco patrimonio storico, archeologico, artistico e culturale del territorio. Per quanto limitate siano le risorse disponibili, non si tratta soltanto di chiedere al Ministero dei Beni culturali qualche custode in più per coprire i turni di apertura dei siti: che il servizio sia organizzato in modo che nessuno trovi le porte sbarrate dovrebbe essere la normalità in ogni angolo del paese, ma è indispensabile anche che il personale sia adeguato, competente e messo in grado di operare in strutture funzionali e accoglienti. Certo, tutto questo ha un costo, ma non è detto - come ha osservato il prof. Giuliano Volpe - che debba essere un costo rigido, o peggio improduttivo.

La mostra su Annibale a Barletta può essere vista nell'ottica del "servizio" culturale a cui la storia di Canne ci richiama. L'emblema del "viaggio" compiuto tra il 218 e il 202 a. C. dal condottiero cartaginese è il suggestivo busto marmoreo arrivato dal palazzo del Quirinale. A immaginarne il "ritorno", laddove le sue truppe partite dalla sponda Nord Africana inflissero una clamorosa disfatta alle legioni romane, furono alcuni ragazzi di Barletta in visita al palazzo del presidente della Repubblica, per l'inaugurazione di un anno scolastico. La prima ipotesi della mostra nasce dall'accostamento ideale sul messaggio universalistico, tra la tragedia della guerra e la grandezza del dialogo, che le vicende storiche dei personaggi raffigurati nei due busti possono trasmettere nel nostro tempo. Era l'idea di far parlare quelle testimonianze della storia e dell'arte laddove - il territorio della città di Barletta - le loro epiche imprese hanno avuto modo di incrociarsi e i loro destini hanno lasciato impronte indelebili, recuperando e ricomponendo, al di là del tempo e dello spazio, quel patrimonio di storia e di cultura che ha indotto prima il presidente Giorgio Napolitano e poi il nuovo capo dello Stato Sergio Mattarella a condividere l'autorizzazione a un prestito particolarmente laborioso. Un "ritorno" reso ancor più significativo dal contestuale reinserimento di Canne della Battaglia nel Polo museale pugliese che contribuisce a formare il sistema culturale nazionale. Se la chiusura ferragostana del sito archeologico ha evidenziato quale sia il retaggio del passato, il successo riscontrato dalla mostra che il Comune di Barletta ha lasciato aperta nel Castello (finora circa 10 mila visitatori) dà conto di una progettualità in divenire per la cultura nel labirinto della storia.

Bisognerà, ora, che quel "dialogo (im)possibile" tra le due figure mitiche i cui busti si ritrovano nel Castello a riproporre il dilemma tra la tragedia della guerra e la grandezza della pace, possa rendere possibile anche la moderna missione culturale del dispiegamento di tutte le potenzialità della "Puglia imperiale". C'è da mettere in campo un progetto e un sistema sinergico che coinvolga un patrimonio che attraversa i millenni.

E vorremmo che a questo orizzonte largo guardino i ragazzi che qualche anno fa erano al Quirinale e in questi giorni girano nei sotterranei del Castello di Barletta alla riscoperta dell'universalità della storia e della cultura.

*(sindaco di Barletta)



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news