LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mestre. «Turismo, un Piano strategico per far crescere la qualità in tutta la Città metropolitana»
Monica Zicchiero
Corriere del Veneto 27/8/2016

MESTRE. «Seimila posti letto alberghieri in più a Mestre? A patto che la città aumenti le proposte di turismo di qualità. E che si monitori tutto il sistema metropolitano per evitare che si riducano i tassi di occupazione sul resto del territorio». Mara Manente, ricercatrice del Ciset, analizza l’impatto che le nuove strutture alberghiere in terraferma potrebbero avere sul sistema turismo dell’area metropolitana. Hotel, ostelli, appartamenti per turisti: come ha scritto il Corriere del Veneto pochi giorni fa, tutte le iniziative porteranno a Mestre 6 mila posti in più.

In una recente ricerca condotta con Ca’ Foscari per conto della Camera di Commercio sulle opportunità della Città Metropolitana, Manente aveva sottolineato che la possibilità di alleggerire la pressione su Venezia sta nelle risorse del territorio, dalle Ville Venete alla Riviera fino al segmento di nicchia «green». Il punto è che i nuovi alberghi in terraferma sorgeranno tutti in zone comodissime per raggiungere la città storica in un quarto d’ora con bus, tram o treno: via Ulloa (progetto Salini-Impregilo), via Trento , piazzale Favretti (H10), San Giuliano (progetto dell’architetto Giovanni Caprioglio), via Ca’ Marcello (Mtk), rampa Cavalcavia (gruppo A&O). Il rischio di congestionare sempre più il capoluogo c’è ma non è un destino segnato. «È cruciale e strategico un Piano Strategico della Città Metropolitana che dia il quadro generale delle strutture ricettive e disegni una strategia comune e coordinata», osserva la ricercatrice. Ovviamente non si potrà distogliere da Venezia l’attenzione dei visitatori che per la prima volta arrivano in città, «si tratta invece di lavorare sulla fidelizzazione dei turisti, come fanno molte altre grandi città perché la prima visita è l’occasione per favorire un ritorno più consapevole». La chiave è far venire loro il desiderio di scoprire i musei di Villa Pisani e Quarto d’Altino, i paesaggi e gli agriturismi dei distretto del radicchio, Chioggia, il litorale, le ville Venete, i borghi meno scontati. Insomma il vaccino all’estate cafona che ha sconvolto Venezia è un’offerta di cultura, svago, tempo libero e ricettività più qualificate. Privati e istituzioni non sono mai andati oltre le dichiarazioni d’intenti «la questione è lavorare strategicamente sulle diverse proposte e cambiare il punto di vista: dalla competizione alla creazione di un sistema che collabora», suggerisce Manente. Agenzie di viaggi, portali, albergatori e proprietari di appartamenti turistici, gestori di siti, comunicatori social, ferrovie, compagnie di navigazione e aree, porti e aeroporti, strutture culturali controllano ciascuno un pezzo di informazione al viaggiatore. Nel quadro di una strategia metropolitana, coordinare la comunicazione non è una missione impossibile: «È indispensabile che il Piano Strategico produca una visione d’insieme». Alcuni dei nuovi alberghi saranno ostelli stellati, in Rampa Cavalcavia e via Ca’ Marcello, ad esempio. Porteranno molti visitatori giovani e non troppo facoltosi. «Anche Praga e Barcellona hanno lavorato sulla fascia dei giovani visitatori – ricorda la studiosa – Opportunamente gestita, la cosa diventa una prospettiva per il futuro perché gli studenti con pochi soldi di oggi potranno diventare i turisti facoltosi di domani».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news