LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CARRARA - CAVE - Don Raffaello: "Alle cave un sacrilegio cosmico"
27 agosto 2016 IL TIRRENO

Il parroco del Duomo cita Belli e poi lancia un’invettiva contro il settore lapideo: "Massacrano i nostri monti, asportano una ricchezza che la natura ci ha dato"


CARRARA. Dopo l’appello sulla sanità locale don Raffaello Piagentini torna a parlare di attualità e lo fa con un duro monito sulla gestione del settore marmo. «Fermiamo le nefandezze di chi invece di fare il bene degli altri, è mosso solo dal suo arrivismo» ha ammonito il parroco del Duomo. Don Raffaello è partito da un sonetto composto dal poeta toscano Giuseppe Giusti a metà del 1800 e intitolato «I più tirano i meno» per mettersi a tirare, lui stesso, le orecchie di coloro che, nel lavorare il monte, pensano solo ai propri interessi. Don Raffaello torna sulla stretta attualità e dopo essere intervenuto sui servizi sanitari, sposando la causa del comitato Primo soccorso e Urgenza, lancia un duro attacco alla gestione del pianeta lapideo. L’occasione è stata la proiezione straordinaria di “Ovunque Proteggi” giovedì sera sulla scalinata del Baluardo, organizzata da Assemblea Permanente. Il parroco, zio di uno dei sopravvissuti della strage di Viareggio, è stato invitato a intervenire e ha lanciato un accorato appello ai tanti cittadini presenti. Lo spunto è stato proprio il sonetto del Giusti: dopo averne recitato i versi, con perfetto accento toscano, Don Raffaello ha spiegato: «Il poeta ci dice di non essere inerti, di non ridurci a una massa passiva e silenziosa o – ancora peggio – silenziata. Il sonetto ci dice di essere attenti e solerti perché certe cose non possono passare nella storia sotto silenzio».

Il parroco del Duomo ha sottolineato di parlare da «semplice uomo di strada che per vocazione e fede incontra centinaia di persone che soffrono per l’egoismo dei grandi quando invece potrebbero essere più sereni anche dal punto di vista economico». E da qui Don Raffaello ha lanciato un duro affondo ai conduttori delle cave: «Penso ai nostri monti – ha detto esplicitamente – Sono mal utilizzati, rovinati e massacrati dall’egoismo umano». E questo perché, ha detto il sacerdote, «se il nostro marmo fosse lavorato qui in loco, senza essere esportato così com’è, non ci sarebbero tutte queste difficoltà». Don Raffaello ha ricordato che «le piante e i boschi si tagliano, ma poi rinascono. Quello che succede alle cave è un sacrilegio cosmico. Stanno asportando la ricchezza che la natura ci ha dato e che andrebbe
consegnata a chi verrà dopo di noi, così come hanno fatto i nostri predecessori». Una tesi che il parroco del Duomo ha sintetizzato in un unico dato: «Negli ultimi 25 anni è stato estratto più marmo che nei 2000 anni precedenti» ha concluso amareggiato don Piagentini.

Cinzia Chiappini



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news