LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fori Imperiali e Appia Antica, ecco cosa bisogna fare. Bastano poche risorse ma questo è il momento di agire
Roberto Morassut*
Corriere della Sera - Roma 29/8/2016

* Roberto Morassut Parlamentare Pd

Nessuno ha ben compreso cosa intenda fare la Giunta Raggi sul tema dei Fori. Ad un primo annuncio di riapertura parziale al traffico è seguita poi una smentita, ma la Sindaca non si è mai espressa. Personalmente non ho condiviso la decisione del sindaco Marino di chiudere completamente al traffico Via dei Fori Imperiali. La consideravo una scelta estemporanea che riduceva ad un’ordinanza di traffico un grande progetto urbano eludendo peraltro ogni visione ed ogni decisione sull’Appia Antica.

Ricordo, per inciso, che tra il 1995 ed il 2006 le amministrazioni comunali di Roma approvarono decisioni storiche introducendo per l’area dei Fori una nuova disciplina che indica le direttrici per un progetto d’area non limitato alla sola Via dei Fori Imperiali e raddoppiando l’estensione del Parco dell’Appia dai 2500 ettari del 1962 agli oltre 5000 del 2008. Dopo di allora ci sono state, purtroppo, solo parole e atti simbolici.

Credo si debba prendere atto di come, dopo gli anni trascorsi dalla pedonalizzazione, tale decisione sia ormai difficilmente revocabile: converrebbe mettere in campo un progetto di sistemazione anche parziale dell’area che oggi, al netto della sua intrinseca bellezza e monumentalità, non è che una strada chiusa al traffico e non una zona pedonale. Mancano infatti zone di sosta e di servizio, abbattimento delle barriere architettoniche, una separazione netta tra la parte ciclabile e pedonale con quella destinata ai mezzi di servizio e soccorso, un adeguato arredo urbano e soprattutto un efficace sistema di illustrazione degli scavi fino ad ora eseguiti. La Commissione presieduta dal Professor Giuliano Volpe su questo ha dato indicazioni validissime. Nello stesso tempo sarebbe molto opportuna la chiusura al traffico di Via dei Cerchi sul versante Sud del Palatino che ben risolverebbe l’ormai evidente problema di collegare il Colle con il Circo Massimo (ora in riqualificazione, progetto del 2006). Non ci si può poi non domandare perché è stato abbandonato il grande progetto di realizzare nell’edificio del vecchio Governatorato il «Museo di Roma» dove ospitare il grande Atlante stratigrafico e multimediale dei secoli della Città Eterna, immaginata da Andrea Carandini, che sarebbe una magnifica testata dell’area Archeologica Centrale e dell’inizio dell’Appia Antica. Una struttura museale di livello mondiale divulgativa e al tempo spesso di alto valore scientifico. Cosa manca? La disponibilità dell’edificio, che oggi ospita degli uffici comunali. E poi un serio progetto di finanziamento che guardi alle risorse europee per le Smart Cities. Infine, l’Appia Antica. Dopo qualche tempo sembra essere ripreso, grazie all’impulso del ministro Franceschini, un fermento di idee secondo l’ispirazione data da Adriano La Regina, Vittoria Calzolari, Desideria Pasolini Dall’Onda, Vittorio Emiliani e da Willer Bordon. E va ricordato il grande lavoro che su questo ha sempre svolto con dedizione la Sopraintendente Rita Paris. È giunto il momento, da parte del Comune, di procedere alla chiusura del tratto iniziale della Regina Viarum da Piazza Numa Pompilio e da Via di Porta San Sebastiano (rimasta per un po’ chiusa per crolli senza creare disagi) fino alla omonima Basilica dove si collegherebbe con il tratto già chiuso. E di completare la realizzazione del parco lineare delle Mura Aureliane (che incrocia l’Appia Antica nel tratto iniziale ) da Porta Metronia a Piazzale Ostiense. Basterebbero poche risorse per un’operazione di tutela e di grande richiamo mondiale. E soprattutto prenderebbe corpo l’idea di collegare il cuore della Roma Antica con le pendici dei Colli Albani attraverso un percorso ciclo-pedonale unitario. Queste operazioni potrebbero costituire un programma di azioni poliennale per far uscire il tema Fori e Appia Antica dai confini asfittici di un confronto astratto come è stato in questi ultimi anni e riavvicinare il progetto Fori al popolo, proprio come intendeva fare Luigi Petroselli, il cui 35° anniversario non potrebbe essere onorato al meglio che riprendendo con realismo uno dei suoi lasciti più importanti.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news