LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Museo della Shoah, c’è la firma: due anni per i lavori a Villa Torlonia
Erica Dellapasqua
Corriere della Sera - Roma 29/8/2016

All’articolo 2 dell’accordo, sui tempi di realizzazione, si legge che «il contraente dovrà ultimare tutte le opere entro il termine di 600 giorni». Due anni, più o meno. Avanti dunque con la realizzazione del Museo della Shoah a Villa Torlonia. È arrivata l’attesa firma del contratto tra il Comune di Roma e la ditta aggiudicataria dell’appalto, la Sac Società Appalti Costruzioni, adesso formalmente incaricata.

Avanti con la realizzazione del Museo della Shoah a Villa Torlonia. Sempre in ritardo rispetto agli annunci (gli ultimi volevano l’inaugurazione il 27 gennaio 2015 in concomitanza col settantesimo anniversario della liberazione di Auschwitz) l’iter è comunque proseguito ed è arrivato, due settimane fa, all’attesa firma del contratto tra il Comune di Roma e la ditta aggiudicataria dell’appalto, la Sac Società Appalti Costruzioni, adesso formalmente incaricata «della progettazione esecutiva e dell’esecuzione dei lavori di costruzione dell’edificio a largo Simon Wiesenthal».

All’articolo 2 dell’accordo, sui tempi di realizzazione, si legge che «il contraente dovrà ultimare tutte le opere entro il termine di 600 giorni». Quasi due anni, salvo «sorprese» da parte del Consiglio di Stato che deve ancora pronunciarsi nel merito del ricorso delle aziende seconde classificate.

Quindi, seppur con l’incognita di questa sentenza, il Comune ha firmato il contratto. Un impegno «definitivo» in una storia lunga e tortuosa che fin dai titoli di testa, Museo della Shoah, suggeriva l’importanza del fattore tempo anche sul piano simbolico: consentire ai sopravvissuti all’Olocausto di assistere all’inaugurazione. Poi, negli anni, varie frenate e ripartenze, dal rischio di veder sfumati i finanziamenti all’alternativa dell’Eur, spuntata sotto l’ex giunta di Ignazio Marino sempre per rispondere all’esigenza «tempo» ma alla fine archiviata (l’Avvocatura ipotizzò il danno erariale esistendo già un progetto e un esproprio in un’altra destinazione) mentre si allestiva almeno uno spazio del ricordo temporaneo a Casina dei Vallati, accanto alla Sinagoga.

Adesso, passati vent’anni, tre sindaci e un commissario straordinario dal lancio del progetto del Museo, che alla fine si farà a Villa Torlonia così come l’aveva immaginato e voluto fin dall’inizio l’ex sindaco Walter Veltroni, tutti i tasselli sembrano ricomporsi e formare una strada in discesa. Quasi tutti.

Come anticipato, manca ancora il «nullaosta» del Consiglio di Stato, che pur avendo respinto la richiesta di sospensiva dei ricorrenti (le cui motivazioni sono state già rigettate dal Tar) deve pronunciarsi nel merito. L’incognita è specificata anche nel contratto tra le parti, Comune e ditta, che vincolano l’accordo al buon esito del giudizio: «La data per l’udienza di merito era stata fissata il 19 maggio 2016 - si legge sul contratto pubblicato il 5 agosto -. Nelle more di conoscere la decisione il dipartimento Lavori pubblici ha confermato il rilascio del nullaosta alla stipula del contratto», ovviamente condizionato alla pronuncia dei giudici. In caso di accoglimento delle istanze dei ricorrenti, è evidente, il quadro si ribalterebbe, ancora, per l’ennesima volta.

Intanto, comunque, le firme ci sono e anche gli impegni di spesa (più o meno 13 milioni di euro) con un orizzonte lavori che guarda, almeno, ai prossimi due anni. Qualcosa in più di una speranza di vederlo realizzato, quindi, adesso c’è.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news