LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia. Pinacoteca, è finita la prima fase di lavori
Alessandra Troncana
Corriere della Sera - Brescia 30/8/2016

La prima fase di lavori di recupero della Pinacoteca Tosio Martinengo è terminata: sopra il lato che si affaccia sul giardino dopo il «disboscamento» e i lavori di pulizia delle pareti e terne. Fra qualche giorno gli operai toglieranno anche le ultime impalcature e inizieranno i lavori per la posa del pavimento — parquet di rovere — e la sistemazione delle pareti. Per ridurre i costi energetici e anche le emissioni è stato scelto il geotermico. «La Pinacoteca aprirà entro la fine del mandato» ha assicurato il vice sindaco Castelletti.

La Salomè del Moretto, i gentiluomini impellicciati di Moroni, i pitocchi e gli angeli boccoluti di Raffaello sfrattati nel 2009 torneranno a palazzo, in ventun sale con il parquet a lisca di pesce e la tappezzeria in fantasia. Pinacoteca, work in progress: quadri, vetri e bronzetti saranno di nuovo appesi nella casa color verde menta del conte Martinengo, «repubblicano arrabbiato» e gran signore, a inizio 2018.

Il palazzo è impacchettato: a settembre toglieranno i ponteggi, anticipa l’assessore ai Lavori pubblici Valter Muchetti, e il mese dopo inizierà la fase due dei lavori, con il progetto definitivo e gli appalti.

Gli operai si sono messi l’elmetto in testa il 29 febbraio: hanno fatto un pozzo geotermico per tagliare le bollette dell’energia, gli impianti di climatizzazione al primo piano, un sistema di regolazione automatico che alza e abbassa le temperature in ogni sala, la facciata. «Ora — spiega l’architetto Marco Ponzoni, dell’Edilizia monumentale — metteremo un pavimento in legno di rovere e le tappezzerie, sistemeremo i controsoffitti, gli sguinci e le finestre e penseremo al percorso espositivo: nessuna parete sarà sprecata. Il palazzo è antisismico». La fattura dei lavori: 6,5 milioni di euro.

La Fondazione Cariplo ha firmato un bonifico da 1,5 milioni (grazie soprattutto alla fondazione Civiltà Bresciana presieduta da Pier Luigi Streparava), altri quattro li ha messi la Loggia. Per saldare le parcelle, resta scoperto un milione, si cercano sponsor, «ma in ogni caso finiremo i lavori in tempo» ha assicurato il sindaco Emilio Del Bono. Il palazzo, dice Massimo Minini, presidente di Brescia Musei, «tornerà alle origini: una casa con finestre da cui entra la luce del giorno e della notte». Luigi Di Corato, direttore della fondazione, ha studiato un allestimento perfetto al centimetro con Roberta D’Adda, Stefania Baiguera e Francesco Frangi: «A piano terra, biglietteria, bookshop, caffè aperto anche quando la Pinacoteca sarà chiusa (è nel gabinetto dei disegni e delle stampe, si entra dal giardino, ndr), una sala conferenze e un posto per la didattica, un piccolo deposito e uno spazio per le mostre temporanee: esporremo le opere della collezione a rotazione, per sei mesi». Sopra, un viaggio che inizia alla fine del Trecento e finisce con Hayez: il colore delle sale cambierà a seconda degli oggetti esposti, «e vetri, sculture, armi, ceramiche e bronzetti interagiranno con i quadri. Al centro ci sarà il visitatore». Le opere del conte Tosio sono in giro per l’Europa, «ma appena riapriremo non le presteremo per tre anni: è giusto che restino qui». Tornerà a palazzo anche il ciclo sulla giustizia dei fratelli Campi, ora ospite del Diocesano.

Nel cortile, sono tornati gli imperatori: «Durante i lavori — spiega Marco Fasser, della Soprintendenza — abbiamo trovato gli affreschi tardo Quattrocenteschi voluti dai Fisogni: i Martinengo li avevano tamponati quando erano diventati padroni del palazzo». Medaglioni, ornamenti, busti di imperatori: non si sapeva se recuperarli tutti o meno, alla fine hanno preso una decisione salomonica, restituirli solo sul fronte Nord. Il vicesindaco Laura Castelletti ha già iniziato il countdown per la vernice: «Abbiamo promesso che la Pinacoteca sarebbe stata riaperta a fine mandato: la parola sarà mantenuta. Ci sarà un motivo in più per scegliere Brescia come meta». Per il sindaco Emilio Del Bono, quel palazzo «la nostra è una scelta strategica: investire sul patrimonio, recuperarlo per i bresciani e i turisti, che sono sempre di più».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news