LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MIBACT - Non solo Canne: nei musei poco personale e vicino alla pensione
30 agosto 2016 LA REPUBBLICA



LA DENUNCIA / LA CGIL ATTACCA: A TARANTO VISITE CONTINGENTATE. ADDETTI RIDOTTI ALL'OSSO AD ALTAMURA, RUVO, CANOSA, COPERTINO E A CASTEL DEL MONTE

"La chiusura nei festivi di agosto è stata associata alla disfatta delle legioni romane ad opera di Annibale"

PERSONALE ridotto all'osso, turni massacranti e orari impossibili. Dipendenti troppo vecchi e precari sfruttati, con le professionalità più preziose in via d'estinzione. Perché se «la chiusura di Canne della Battaglia, nei festivi di agosto, è stata associata alla disfatta delle legioni romane ad opera di Annibale», a essere in sofferenza sono in realtà tutti i luoghi della cultura gestiti dal polo museale pugliese. La denuncia arriva dalla Funzione pubblica della Cgil Puglia. Il sindacato elenca, tabelle ministeriali alla mano, i numeri di un sistema in affanno. «In profonda crisi sono i siti di maggior richiamo – si legge nella nota – con personale ridotto all'osso ad Altamura, Ruvo, Canosa, Copertino e Castel del Monte».

Nel museo archeologico nazionale di Taranto, dopo la gioia dell'inaugurazione del secondo piano, sarebbero state contingentate le visite. «Una misura drastica, condivisa con i lavoratori – scrive la Fp Cgil - che si è resa necessaria a causa del numero del personale insufficiente, nonostante l'importante opera di valorizzazione che la direttrice sta attuando». Analoghe situazioni in altri luoghi della cultura: al museo archeologico nazionale di Altamura a breve saranno in servizio sole tre unità, così come a Ruvo e al castello di Copertino. Caso limite Castel del Monte, che per far fronte a migliaia di turisti può impegnare al massimo tre unità per turno. «Buona parte aprono al pubblico per 11 ore, sette giorni su sette, grazie ad accordi sindacali ormai datati e tarati su un numero maggiore di lavoratori».

E il personale pugliese è anche tra i più anziani in servizio, a causa del blocco del turn over. L'età media è di 56 anni – ricostruisce il sindacato – e dalle tabelle ministeriali si evince che entro il 2020 si arriverà alla cessazione di 309 unità, fra personale amministrativo, tecnico e di vigilanza. La riorganizzazione delle Soprintendenze sta infine mettendo a rischio una serie di professionalità rare, a partire dagli esperti del laboratorio di fotoriproduzioni, legatoria e restauro della sede centrale dell'archivio di Stato a Bari. «Questioni che abbiamo denunciato da tempo, inascoltati – ripete Matteo Scagliarini, coordinatore regionale FP Cgil Puglia – chiedendo un coinvolgimento di istituzioni territoriali e regionali, oltre che del Ministero, affinché l'impossibilità di funzionamento dei siti culturali non sia il preludio della privatizzazione del nostro patrimonio».






news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news