LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Riforme, quasi mille persone al duello tra Settis e Nardella
di FQ | 28 agosto 2016

Io voto Sì perché la Costituzione si può cambiare e sono convinto che questa riforma la cambi in meglio, lo faccio anche per il futuro dei miei tre figli”. Un appello a favore della riforma costituzionale come tanti che si sentono in questi mesi, ma con una particolarità: il sindaco di Firenze Dario Nardella lo pronuncia alla festa del Fatto Quotidiano, a Roma, davanti a quasi mille persone che sembrano essere molto più d’accordo con Salvatore Settis, venuto a rappresentare il fronte del No.

La festa di Roma del Fatto, condotta da Silvia D’Onghia, si è aperta con un lungo confronto sulla riforma moderato da Stefano Feltri, oltre due ore davanti a un pubblico attento e partecipe che ha sfidato la calura di fine estate per ascoltare (e intervenire). Dario Nardella, l’unico renziano che ha accettato il confronto, è arrivato da Firenze con un faldone di documenti e citazioni, pronto a spiegare le ragioni del Sì. Settis, archeologo, ex direttore della Normale di Pisa, è arrivato armato soltanto del suo libro, da poco pubblicato da Einaudi: “Costituzione! – Perché attuarla è meglio che cambiarla”.

La prima parte del confronto ha riguardato il terremoto, le responsabilità e la reazione. Ma il dibattito – e il pubblico – si è scaldato davvero quando si è passati alla riforma. “Nardella dice che un sindaco deve stare vicino ai suoi cittadini tutti i giorni, e non soltanto nell’emergenza. Sono d’accordo, ma allora come farà a fare anche il senatore?”, è il primo affondo di Settis.

Nardella spiega che sì, nella nuova Costituzione (se approvata dal referendum d’autunno), i sindaci delle grandi città dovranno anche andare in Senato, “ma è fattibile, basta organizzare bene il lavoro concentrando le sedute, un po’ come in Germania con il Bundesrat, o con il Parlamento europeo”. È solo il primo di un lungo confronto che si chiude con Settis, a dibattito ultimato, che saluta Nardella dicendogli: “Io sono sicuro che nel segreto dell’urna alla fine voterai No”. Il sindaco non cede.

La serata è proseguita con il dibattito sulla televisione e sulla promessa del premier Matteo Renzi di tenerne fuori i partiti: ne hanno discusso il fondatore del Fatto Antonio Padellaro con Enrico Mentana, Bianca Berlinguer, Massimo Giannini e Carlo Freccero. Si prosegue oggi con le “sindache di opposizione”: Virginia Raggi, Chiara Appendino, Isabella Conti(Pd). Si prosegue con il regista di Lo chiamavano Jeeg Robot, Daniele Mainetti, e i suoi attori e il gran finale: lo spettacolo Perché No di e con Marco Travaglio e Giorgia Salari. Gli incassi verranno devoluti al Comune di Amatrice per ricostruire l’asilo e la scuola elementare (trovate i dettagli nel box qui sopra).

http://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/riforme-quasi-mille-persone-al-duello-tra-settis-e-nardella/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news