LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Grandi navi, lo stallo di Venezia
Alberto Zorzi
Corriere del Veneto 31/8/2016

A 4 anni dal decreto Clini-Passera tutto fermo. Costa convoca un vertice: «Situazione ingarbugliata»

VENEZIA. Sono passati 1692 giorni dall’incidente della Concordia e sulle grandi navi Venezia è ancora all’anno zero. I progetti pubblici sono arenati, alla Via è arrivato solo un progetto privato avversato da Porto, compagnie e Comuni. «La situazione si è ingarbugliata», ammette Paolo Costa, presidente del Porto, che ieri ha convocato il nuovo cda di Vtp, il sindaco Luigi Brugnaro e la Regione per parlare del futuro. Brugnaro ha insistito sul canale Tresse e si è ipotizzato di sostituire il limite di 96 mila tonnellate con uno qualitativo.

VENEZIA. «Abbiamo convenuto che la situazione è ingarbugliata», dice laconico il presidente dell’Autorità portuale (ancora per poco) Paolo Costa. Da oggi Venezia torna sotto i riflettori per la Mostra del Cinema, in serata arriverà uno dei ministri più coinvolti sul tema, Dario Franceschini (Beni culturali), ieri c’è stato pure l’articolo di Salvatore Settis sul New York Times , che ha riaperto il dibattito planetario (vedi in alto ). E dopo che, ad oggi, sono passati ben 1692 giorni dall'incidente della Costa Concordia del 13 gennaio 2012 e ben 1643 dalla firma del decreto Clini-Passera il 2 marzo successivo, la situazione sulle grandi navi a Venezia è ancora in stallo. Il decreto stabiliva il divieto di passare davanti a piazza San Marco alle navi sopra le 40 mila tonnellate «a partire dalla disponibilità di vie di navigazione praticabili alternative». Più di quattro anni dopo siamo praticamente all’anno zero.

L’ha dovuto ammettere anche Costa, che pur essendo in uscita (per ottobre dovrebbe essere nominato il suo successore) ieri ha messo attorno a un tavolo il nuovo cda di Vtp, la società di gestione del terminal crociere di Venezia, e poi il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, l’assessore regionale ai Trasporti Elisa De Berti, un rappresentante della Capitaneria di Porto. L’obiettivo era fare il punto della situazione sul 2017, ma l’argomento centrale è diventato proprio lo stallo e soprattutto come superarlo, visto che da quando le compagnie hanno deciso di autolimitare gli accessi alle navi più grandi, quelle sopra le 96 mila tonnellate, il terminal veneziano ha perso circa 300 mila passeggeri: da 1,8 milioni del 2013 al circa milione e mezzo di quest’anno. Il più deciso è stato proprio Brugnaro: «Bisogna andare avanti con il canale Tresse Nuovo, è il progetto che scelto la città votando per me», ha detto il sindaco, invitando poi le compagnie, tanto più ora che tre di loro (Costa, Msc e Royal Caribbean) sono entrate in Vtp con i turchi di Global, a dare un segnale forte sull’importanza del terminal attuale.

Un invito che nasce forse anche dal fatto che i privati, quando entrarono in gioco, presentarono un’ipotesi di nuovo terminal a Marghera. Un’idea che, quando il dibattito si scaldò nel 2012 dopo l’incidente dell’isola del Giglio, era stata sostenuta dall’allora sindaco Giorgio Orsoni, salvo poi venire bocciata dallo stesso Costa per problema di sicurezza e incompatibilità tra le navi passeggeri e un’area che in parte è ancora industrializzata, in parte è stata riconvertita ad attività logistica. Forse in futuro ci si potrà pensare, soprattutto se venisse realizzato il terminal off-shore per le merci. Tanto che ieri lo stesso Brugnaro ha ammesso che Marghera può essere un’ipotesi di lungo termine, mentre Costa ha ricordato che è in corso di approvazione il piano regolatore portuale, che disegnerà le nuove destinazioni d’uso per le banchine. Voci portuali raccontavano di un Costa ormai disilluso sullo scavo di canali, avversati dal mondo ambientalista che a Venezia è ancora forte, e pronto a convergere su Marghera in cambio di un allineamento istituzionale sull’off-shore , da sempre il suo pallino. «Non abbandono l’ipotesi di nuovi canali finché non sarà un’organismo tecnico a dirmelo», ha però smentito ieri.

Lo stallo è tale che i progetti «pubblici», cioè firmati dal Porto, hanno compiuto solo pochi passi di fronte alla commissione di valutazione d’impatto ambientale. Prima Costa aveva puntato tutto sullo scavo del canale Contorta poi, spinto da Brugnaro, è passato al Tresse, che è sostanzialmente parallelo al primo: entrambi porterebbero le navi all’attuale Marittima, facendole però entrare dalla bocca di Malamocco invece che dal Lido. Il Contorta è stato abbandonato, sul Tresse c’è un caos burocratico, perché è stato presentato con le modalità della legge obiettivo, ma pochi giorni dopo che il nuovo codice degli appalti del governo Renzi l’aveva abolita. Quindi quel progetto, per ora, non è stato nemmeno protocollato in attesa che i due ministeri (Infrastrutture e Ambiente) si chiariscano. «Basta con gli azzeccagarbugli», è sbottato più volte Costa. Nel frattempo un altro progetto, proposto dall’ex viceministro Cesare De Piccoli, che prevede un nuovo terminal di scalo alla bocca di Lido per tenere le grandi navi fuori dalla laguna, è stato sottoposto alla Via e proprio nei prossimi giorni dovrebbe esserci il parere definitivo. «Ma è un progetto che non esiste, perché per noi non è di “interesse pubblico” - sbotta Costa - lo dice anche l’Avvocatura dello Stato in un parere. Nessuno di coloro che c’era al tavolo lo vuole». Per le compagnie quello scalo di passeggeri e bagagli, poi trasportati in Marittima, porterebbe un aumento dei costi.

Che fare dunque? Un vecchio pallino di Vtp sarebbe quello di modificare i limiti: non più le 96 mila tonnellate, ma un criterio basato sulla modernità della nave e sull’inquinamento. «Dobbiamo valutare», spiega Costa. «Stiamo lavorando molto sui controlli sui fumi», dice la Capitaneria. Intanto oggi i comitati No Navi lanceranno le nuove iniziative di protesta per settembre: loro, di sicuro, non si fermano mai.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news