LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Toscani: io agli Uffizi, per fotografarvi tutti
C.D.
Corriere fiorentino 31/8/2016

L’immagine è provocatoria. E dunque vuole già essere un marchio di fabbrica: Oliviero Toscani fa le boccacce agli Uffizi e con una smorfia si conquista il suo quarto d’ora di notorietà. Forse anche un po’ di più visto che la sua immagine irriverente è destinata a restare nella collezione di Autoritratti delle Gallerie.

Lo aveva annunciato qualche mese fa il fotografo milanese di stanza in Toscana. Aveva detto che era pronto a farsi un autoscatto e regalarlo a Firenze — che al Corridoio Vasariano custodisce la più importante collezione di Autoritratti al mondo — per restare immortale (e come non capirlo) insieme con artisti che comprendono da Raffaello a Pistoletto. E ora ecco che mantiene la promessa. L’autoscatto, realizzato a casa sua, lo vedremo il 7 settembre, quando la donazione diventerà ufficiale e verrà esposta, per un mese, nella sala del Camino della Galleria. Accanto al Gabinetto di stampe e disegni. La presentazione della nuova acquisizione che va ad arricchire la lista degli Autoritratti fiorentini, infatti, non avverrà, come in passato, al Corridoio Vasariano ma altrove. Il proposito del direttore Eike Schmidt di aprirlo al pubblico ma senza, per ragioni di sicurezza, le opere che lo hanno reso famoso nel mondo, prende campo e l’evento del 7 settembre va in questa direzione. Toscani non la prende bene: «Lo mettano dove credono, anche se io l’ho donato per il Vasariano. Credo che il Corridoio vada sì aperto al pubblico, ma senza spogliarlo della sua collezione. I quadri andrebbero lasciati lì dove sono e protetti con grandi vetrate. In Francia o negli Stati Uniti una soluzione come questa l’avrebbero già trovato, ma qui in Italia siamo degli inetti. È un delitto privare il Vasariano della sua specificità. Se restasse con gli Autoritratti e fosse aperta al pubblico quella sarebbe la “strada” più famosa del mondo».

Quello che è certo è che il fotografo approfitterà del 7 settembre per allestire, accanto alla sua fotografia, un piccolo set dove chiunque potrà posare ed essere ritratto da lui. Non sarà l’unica occasione: «Nel corso di settembre — conclude il fotografo — mentre ancora la mia mostra sarà in corso, intendo allestire un set anche alla Loggia dei Lanzi. Mi bastano due giorni e sono già d’accordo con gli Uffizi. È un luogo straordinario per ritrarre i fiorentini. E poi qualcosa del genere per me non è una novità. Realizzai lo stesso progetto, sempre lì, almeno trent’anni fa. E adesso intendo replicare l’esperimento».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news