LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MATERA - Balenottera dimenticata al museo
di Ferruccio Fabrizio
02 ottobre 2016 LA NUOVA SARDEGNA

MATERA Quando fu rinvenuta, Giuliana dormiva da oltre un milione di anni. Un lungo e meritato riposo per la più grande balenottera che abbia nuotato nel Mediterraneo e ritrovata adagiata su una collina della Basilicata dieci anni fa. La scoperta nel lago artificiale San Giuliano, che ha dato il nome al mammifero, è stato un assist eccezionale agli studiosi, fondamentale anche per comprendere i cambiamenti climatici del pianeta se solo si fosse indagato quel fossile lungo 25 metri e largo (da zigomo a zigomo) quasi tre. Ma da allora il cetaceo è stato incredibilmente dimenticato e mai studiato, chiuso nelle casse di legno di un magazzino della sovrintendenza, imbragato nell'area industriale di Matera, designata capitale europea della cultura per il 2019. Eppure nasconde segreti preziosi e un mistero da poco svelato su come sia stato possibile ritrovarla su una collina, cento metri sopra il livello del mare. La risposta è nei terremoti come quello di Amatrice che fanno ballare la terra lungo l'Appennino da milioni di anni e nel tempo hanno sollevato di 600 metri il fondale su cui s'adagiò la balenottera. Diventato poi la sua tomba. «Giuliana è uno di quei tesori seminati dalla natura che ogni ricercatore spera di trovare per aggiungerlo al complicato mosaico della storia del nostro pianeta - avverte Renato Sartini, 46enne filmaker e giornalista scientifico originario della Basilicata che sabato prossimo presenterà alla Città della Scienza di Napoli un documentario inedito e in prima nazionale in occasione del festival Futuro Remoto. "Giallo ocra - Il mistero del fossile di Matera" racconterà l'intera vicenda di cui Sartini fu il primo a occuparsi, attraverso le voci di importanti scienziati che hanno partecipato al recupero del fossile. «Giuliana è ancora chiusa nelle casse in cui è stata conservata nel corso delle tre campagne di recupero fatte a cavallo tra il 2007 e il 2011- lamenta Sartini -. Il cranio individuato nel corso dello scavo del 2008 ma recuperato soltanto nel 2011, è stato cosparso di materiali particolari per preservarlo dagli agenti atmosferici. Ora occorre restaurare e far conoscere al pubblico i resti della balenottera e la sua importanza e farlo in un museo a Matera capitale europea 2019 credo sia il minimo». Le premesse, misurazione delle dimensioni e tipologia dei resti fossili, facevano presagire dal primo sopralluogo dei paleontologi «una scoperta eccezionale» come sottolinea nel corso del documentario Walter Landini, ordinario di Paleontologia all'Università di Pisa che insieme a Giovanni Bianucci, dello stesso ateneo e a Angelo Varola dell'Università del Salento, si è occupato del cetaceo. Giuliana fu ritrovata l'8 agosto 2006 da Vincenzo Ventricelli, un anziano agricoltore lucano. «Ma non chiamatela balena» avverte Sartini. Non è l'esemplare che ospitò Pinocchio né Moby Dick, aveva quattro dita (e non cinque) diventate nei millenni piccole ali. Una balenottera che ha volato a pelo d'acqua nel Mare Nostrum.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news