LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fori, fontane, musei per l'arte del Comune servono 500 milioni
CARLO ALBERTO BUCCI LAURA MARI
05 ottobre 2016 LA REPUBBLICA





MOSAICI da sistemare, vasche da pulire, nuovi impianti di illuminazione. Ma i beni culturali curati dal Campidoglio hanno bisogno innanzitutto di un restauro immediato per «evitare la perdita del bene stesso». E servono subito 30 milioni di euro. Il calcolo lo ha fatto lunedì il sovrintendente capitolino Claudio Parisi Presicce. L'archeologo, il cui incarico è in scadenza, come il resto dei dirigenti del Campidoglio, ha parlato alla Commissione cultura. E nel suo Sos ha messo, in particolare, Villa Sciarra e Villa Pamphilj, i monumenti di Porta Maggiore e del Celio, le mura Aureliane e le Gianicolensi.

Oltre a questi interventi urgenti, però, la maggior parte dello sterminato patrimonio di Roma ha bisogno di risorse. Tante. Quasi 500 milioni di euro. Di cui, 238 milioni per le sole aree archeologiche del centro di Roma e per il progetto del Museo della città; 171 milioni per gli altri monumenti disseminati nella capitale; più di 10 milioni per il restauro delle fontane storiche.

Ma non si parte da zero. Telecom ha stanziato 6 milioni per il mausoleo di Augusto e Parisi Presicce ha confermato nei giorni scorsi che il 31 ottobre partirà il cantiere di restauro con soldi pubblici. Enel Green Power, inoltre, ha pronti 360mila euro per i giardini di palazzo Caffarelli. La Sovrintendenza capitolina, del resto, da tempo si è rivolta anche ai privati, italiani e stranieri. E ha lanciato un appello ai mecenati pubblicando sul suo sito l'elenco completo di scavi, fontane e musei pronti desiderosi di sponsor.

LE FONTANE

Sono circa 80 quelle che avrebbero bisogno di una manutenzione straordinaria. Opere importanti, che spesso giacciono sommerse da alghe, sporcizia e scritte. Nell'elenco spicca la fontana della Dea Roma in Campidoglio, proprio nella sede istituzionale della sindaca Raggi. Servirebbero 80mila euro, mentre per l'impermeabilizzazione della vasca e il restauro della fontana dell'Aracoeli il costo sarebbe di 300mila. La fontana del Pantheon, realizzata da Leonardo Sormani su disegno di Giacomo Porta, necessiterebbe di 230mila euro. Il nuovo maquillage del Putto di Villa Pamphilj, al centro del giardino del teatro, costerebbe al Campidoglio 280mila euro, mentre ha bisogno di centomila di meno la fontana del Navigante al Porto di Ripetta e quella dello Zodiaco a Ostia. Ma i mecenati dovrebbero- potrebbero finanziare anche molte vasche all'interno di Villa Borghese, come quella dei Cavalli Marini (300mila euro) e quella delle Tartarughe (100mila euro).

LE AREE ARCHEOLOGICHE

Qui le cifre per le casse capitoline si alzano. Solo per i Fori Imperiali di pertinenza comunale, ad esempio, servirebbero 16 milioni e 600mila euro per le indagini, i restauri e la valorizzazione del patrimonio già visitabile al Foro di Traiano, a quello di Cesare, al Templus Pacis e a Tor de' Conti.

Nell'Area Sacra di largo Argentina, invece, la Sovrintendenza comunale con un milione e 500 mila euro potrebbe creare un ingresso dedicato e pannelli didattici multimediali per un tour digitale che rilanci questo importante sito.

Due milioni darebbero una boccata d'ossigeno all'area del Ludus Magnus, la palestra dei gladiatori, di fronte al Colosseo. Scavi chiusi da tempo e spesso trasformati in discarica, che grazie ai mecenati potrebbero essere riaperti al pubblico dopo un accurato restauro. Una cifra analoga (2 milioni e 250mila euro) porterebbe nuova linfa all'esedra e al criptoportico delle Terme di Traiano, a Colle Oppio. Un tesoretto necessario non solo per il restauro, ma anche per installare pannelli multimediali.

L'Sos Beni culturali comprende, naturalmente, anche i 12 chilometri rimasti in piedi delle Mura Aureliane, che hanno bisogno di ulteriori 42 milioni di euro per sanare le ferite e tornare all'antico splendore. I violenti temporali mettono ogni volta a rischio la tenuta della cinta difensiva, modellata dal tempo e dagli interventi papali.

MUSEI

Non sono forse interventi prioritari, ma ci sono anche i musei comunali. È il caso della Galleria comunale d'arte moderna in via Crispi, che dovrebbe espandersi nell'ex deposito Ama di via Zucchelli (4 milioni di euro). Aspetta invece l'inizio dei lavori il Museo della Città in via dei Cerchi. Da tempo se ne parla e il progetto è ambizioso, perché l'idea della sovrintendenza è di creare la porta d'accesso alla storia e cultura di Roma, con collezioni prestigiose e percorsi multimediali (costo 12 milioni di euro).

Con 15 milioni e 200mila euro verrebbe restaurato anche il Campidoglio, cuore della città e del suo patrimonio artistico. Servono per la sistemazione della pavimentazione e per l'ex istituto archeologico Germanico, l'insula dell'Aracoeli e l'ospedale Teutonico.





news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news