LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MANTOVA - IL PALAZZO DUCALE MERITA PIÙ RISPETTO
04 ottobre 2016 la gazzetta di Mantova




In risposta agli articoli pubblicati su questo giornale - con particolare riferimento alla questione dell'interrogazione parlamentare e alla supposta aria nuova al Ducale - e per maggiore chiarezza dei lettori, desideriamo esporre il nostro punto di vista su alcune delle questioni sollevate. Innanzitutto la lettera che abbiamo scritto e di cui sono stati pubblicati a nostra insaputa alcuni estratti, era indirizzata al direttore del Museo Peter Assmann e non alla stampa. Ciò per motivi di opportunità, nonché nel rispetto del nostro codice disciplinare. Senza dubbio i problemi e le criticità da noi sollevati sono di pubblico interesse, avendo per oggetto un museo statale, ovvero un bene comune che appartiene a tutti noi, in quanto cittadini prima che dipendenti. E infatti, da una lettura integrale del testo si evincerebbe che non è il nostro interesse ad essere al centro dell'attenzione. Chiediamo quindi di poter correggere alcune affermazioni attribuibili in alcuni casi addirittura a persone che hanno collaborato con il direttore, la cui manifesta parzialità non decade certo con la fine della collaborazione. In secondo luogo guardare sale che custodiscono tesori quali Pisanello, Mantegna, Raffaello e Rubens non è guardare qualcosa di irrilevante, ma una seria responsabilità e tutelare l'incolumità di questi beni preziosi è e rimane il nostro primo compito. Nonostante il furbesco tentativo di ridurre la questione all'ennesima lamentela dei dipendenti fannulloni, ci auguriamo che non sfugga il vero tema che abbiamo voluto sollevare: l'uso che viene fatto di un monumento che appartiene alla collettività e che, come tale, ci sentiamo di dover tutelare e preservare. Affermare poi che il malcontento "ovviamente si giustifica con l'aver aumentato i flussi turistici" è quantomeno scorretto: primo perché il calo dei visitatori era principalmente dovuto al terremoto e non ci ha certo fatto contenti; secondo perché i flussi turistici sono aumentati, ma in linea con gli anni precedenti il terremoto, soprattutto in considerazione della riapertura della Camera Picta nell'aprile 2015 e della eccezionalità di Mantova capitale italiana della cultura. Non ci siamo permessi di dare giudizi sul valore scientifico della linea impostata da Assmann. Ci siamo permessi però di sollevare perplessità sullo spazio dato ai privati, a discapito del bene pubblico (il nostro stipendio continuano a pagarlo i contribuenti). Ammettiamo che ci riempirebbe di orgoglio vedere il nostro museo citato insieme a Louvre, Prado o National Gallery londinese, ma non ci risulta che la stampa nazionale e internazionale abbia dato tale risalto alle iniziative che portano la contemporaneità dentro il Museo di arte antica. Questo Museo non è un contenitore vuoto da riempire, ma è già pieno della sua storia e usarlo come location per qualsiasi cosa, pur di togliere la polvere in nome di una supposta modernità, rischia di ridurlo a mero fondale - per quanto prestigioso - e di farci dimenticare che chi viene per visitarlo cerca la magnificenza gonzaghesca, non l'arte contemporanea. "Costringere il personale ad aumentare l'orario di lavoro" non è possibile (fortunatamente e finché dura la resistenza agli attacchi ai diritti dei lavoratori). Il fatto che tutte le attività si svolgano senza aggravio dei turni di lavoro non è una concessione di Assmann: l'orario di lavoro è ancora materia di competenza del ministero e ad oggi non è stata delegata ai singoli direttori. Tuttavia le iniziative del direttore sono state possibili grazie alle ore di straordinario del personale. Retribuite, ci mancherebbe altro. Ricordiamo che il personale del museo, una settantina di persone su tre turni di lavoro, garantisce l'apertura del Palazzo undici ore al giorno, sei giorni su sette, tutto l'anno (ricordiamo che apre dalle 8.15 alle 19.15, con frequenti aperture straordinarie). Non sono state aperte sale chiuse da decenni, ma è vero piuttosto il contrario: l'arte contemporanea ha portato alla frequente chiusura dell'appartamento di Isabella d'Este, dell'appartamento dell'imperatrice, per non dire della mancata apertura, già prevista prima dell'arrivo del direttore, dell'intera Corte Nuova, ad esclusione dell'appartamento dell'Estivale, già oggetto di restauro durante la soprintendenza della dottoressa Paolozzi Strozzi e destinato ad ospitare i marmi di Vespasiano Gonzaga, aperto invece temporaneamente per lo show room di Agape. Sottolineiamo inoltre che la chiusura di tali ambienti, parte del percorso di visita del museo, è funzionale all'uso del personale di custodia per la galleria, spazio aperto a tutti gratuitamente e che ospita opere private.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news