LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAGLIARI-Vandali in azione: scritte spray sulla facciata dell’Exmà
Francesca Mulas
www.sardiniapost.it, 07/10/2016

Un monumento ottocentesco in pieno centro a Cagliari è stato deturpato dai vandali: nella notte tra martedì e mercoledì qualcuno ha pasticciato con una bomboletta spray il muro di cinta dell‘Exmà, ex mattatoio cittadino che da anni ospita un grande e attivo centro culturale.
"6-10 ott. Blocchiamo la guerra No basi militari" la scritta comparsa sulla facciata del monumento, in via San Lucifero: impossibile non pensare al campeggio antimilitarista organizzato in questi giorni nell’Isola da un gruppo di attivisti che protestano contro le servitù militari, anche se per ora i responsabili sono ignoti. Scritte simili sono comparse anche in altre strade e piazze cittadine, compresi i quartieri storici. Una protesta che evidentemente per alcuni, dopo incontri, manifestazioni, volantinaggio e attività in rete condivisi e sostenuti da tanti pacifisti e comitati sardi, doveva finire anche sui muri della città senza alcun rispetto per monumenti storici sotto tutela.

La scritta resterà lì probabilmente per anni, dato che il complesso restauro della struttura è stato chiuso poco più di un anno fa: difficile, per ora, trovare altri finanziamenti per ripulire il muro. “È un peccato che qualcuno abbia voluto deturpare il monumento, da anni restituito alla città come spazio per l’arte e la cultura – sottolinea Simona Campus, direttrice artistica dell’Exmà. – Di certo adesso non abbiamo i soldi per cancellare la scritta e riportare il muro al suo colore originale. Il vandalismo è sempre da condannare, ma se riguarda un monumento storico allora il fatto è ancora più grave”.

La struttura di via San Lucifero è stata costruita tra il 1845 e il 1852 ed è stata usata fino agli anni Sessanta del secolo scorso come mattatoio cittadino, poi sostituito dal nuovo macello di via Po. Nel 1982 il Comune ha ddeciso di adibire il complesso ormai in disuso a centro d’arte e cultura e dal 1993 viene usato per mostre temporanee, concerti, convegni, laboratori, spettacoli sotto la gestione del Consorzio Camù. Nei prossimi giorni, inoltre, sarà sede del Festival di Letteratura per Ragazzi Tuttestorie.

Sull’episodio di vandalismo è intervenuto anche per Paolo Frau, assessore alla cultura e al verde pubblico del Comune di Cagliari. “Non riesco davvero a capire come a una sensibilità pacifista che in tanti condividiamo posa accompagnarsi una ostinata e ottusa insensibilità riguardo al decoro della città. Tanti muri dei nostri quartieri, anche in zone tutelate come il centro storico, sono frequentemente vandalizzati senza alcun rispetto per il bene comune. Mi chiedo quando ci si fermerà un momento a riflettere prima di agire in modo così sconsiderato”.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news