LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SIENA-Come rigenerare luoghi e città. Creativamente
Laura Lombardi
www.ilgiornaledellarte.com, 07/10/2016

Oggi e domani Santa Maria della Scala a Siena ospita la seconda edizione di «Remixing Cities». Tra i temi sul tavolo anche il futuro dell'enorme complesso monumentale
Il futuro dell'enorme Complesso di Santa Maria della Scala sarà al centro della dua giorni senese di «Remixing Cities»

Siena. Si tiene il 7 e l’8 ottobre a Siena l’edizione 2016 di «Remixing Cities n. 2» (la prima edizione fu a Napoli nel 2014), terza tappa dopo Reggio Emilia (23-25 settembre) e Mantova (30 settembre -1° ottobre) del progetto, promosso da Gai-Associazione Circuito Giovani Artisti Italiani, Comune di Reggio Emilia, Comune di Mantova, Comune di Siena, dedicato alla «Rigenerazione creativa», per ridare slancio e idee alla rigenerazione urbana, individuando modelli di interazione tra i centri di produzione culturale indipendenti e le istituzioni pubbliche.
Il tema, oggi cruciale, della rivitalizzazione dei territori, considerando il riuso di spazi per la produzione culturale giovanile come primo step di un processo complesso, è affrontato nell’ambito di un calendario di iniziative con mostre, workshop, performance.

Una manifestazione che coinvolge partner italiani e internazionali, mobilitando parallelamente policy maker, istituzioni, associazioni, università, creativi, operatori culturali, società civile, imprese e tutti i soggetti che si occupano di queste tematiche sul territorio. Itinerario tra il «mai più» e il «non ancora», dai paesaggi alle periferie, per arrivare al centro storico, il progetto «Remixing cities» estende il significato della «città come bene comune» a un concetto più ampio che lega in un sistema centro storico, periferia e paesaggio.

Il tema della rigenerazione urbana implica il riuso di spazi vuoti, coinvolgendo il più possibile la comunità in un percorso di apprendimento condiviso e partecipato, con uno sguardo particolare rivolto alla creatività giovanile e ai centri indipendenti di produzione culturale.
Il focus delle giornate senesi è sul come coniugare l’enorme patrimonio artistico, culturale e storico di alcune città italiane con i processi di modernizzazione dei tessuti urbani resi necessari dalle necessità sociali, culturali e urbanistiche del mondo contemporaneo. Quali sono, dunque, le possibilità di rivitalizzare, usando come leve la cultura, le arti e la cooperazione sociale, i luoghi che nel tempo hanno modificato o, in alcuni casi, perduto del tutto le proprie funzioni originali e, con nuove destinazioni, sono stati (o possono essere) riconsegnati alla pubblica fruizione?
Un tema peraltro delicato a Siena, città assai fiera della propria identità sociale, storica e urbanistica: quale può essere la chiave per renderla «città contemporanea», come d’altronde è stata la sua vocazione per secoli, senza modificarne l’anima e la struttura urbana?
Tale riflessione vede il Complesso monumentale di Santa Maria della Scala al centro, in quanto luogo emblematico per la funzione svolta nei corso di nove secoli, nei confronti della comunità e il cui ruolo sembra oggi invece avere minore impatto sulla vita cittadina. Intento del nuovo direttore Daniele Pitteri è proprio quello di rigenerare Siena partendo dal Santa Maria. Si pensi che il volume complessivo del complesso è di oltre 350mila metri cubi, con una superficie vicina ai 40mila metri quadrati. Di questi, in virtù degli interventi realizzati sulla base del progetto dell’architetto Canali, sono attualmente fruibili al pubblico circa 18mila, mentre i restanti sono ancora da recuperare, per rallentamenti e interruzioni dei lavori dovuti a numerose cause diverse.
Negli incontri dei due giorni è stata scelta la metodologia del Boot Camp, mutuato dalle più moderne pratiche urbanistiche, coinvolgendo nel dibattito personalità di grande prestigio del panorama culturale nazionale ed europeo, ciascuna con sguardo e competenze molto diverse, invitate a produrre suggestioni sul futuro dell’intero complesso, nella volontà di farlo divenire, oltre che un luogo espositivo e museale, anche un centro internazionale di produzione artistica e culturale.
Gli ambiti di riflessione senese sono tre: un laboratorio finalizzato a produrre ipotesi progettuali e nuove destinazioni d’uso (con urbanisti, architetti, economisti, storici dell’arte di fama nazionale e internazionale) per riflettere sulla trasformazione del Santa Maria della Scala. Un laboratorio rivolto per fare il punto sullo scenario nazionale riguardo la «rigenerazione urbana tra norma e prassi» (con rappresentanti di alcune città, di alcune regioni e dei ministeri anche sotto il profilo legislativo e amministrativo), e infine uno internazionale «So cult Re/generation meeting» centrato sull’esperienza caposaldo dell’Albania con le politiche e i progetti di rigenerazione attivati con driver socioculturali a partire da Atelier Albania.

«Remixing Cities n. 2» si svolge in collaborazione con Comune di Ferrara, Comune di Padova, Comune di Ravenna e con Mecenate 90, Fondazione Forum Universale delle Culture 2013, Fondazione E35, Ics-Innovazione Cultura Società, Pantacon impresa sociale per la cultura, Che Fare. Per l’ampio programma di incontri consultare il sito www.remixingcities.it



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news