LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Capitali coraggiosi a dimora
di Laura Dominici
http://www.ilsole24ore.com/ – 28 settembre 2016




Riemerso dalla vegetazione che l’aveva coperto , ora il castello di Tabiano (Parma) svetta di nuovo sul borgo medievale trasformato in albergo diffuso, assieme ai casali dei contadini
Riemerso dalla vegetazione che l’aveva coperto , ora il castello di Tabiano (Parma) svetta di nuovo sul borgo medievale trasformato in albergo diffuso, assieme ai casali dei contadini

Il turismo nelle dimore storiche sta crescendo in Italia e consente di salvare luoghi incantevoli, a rischio abbandono. Il rilancio di borghi e dimore antiche preserva il territorio per le future generazioni, aprendo a un turismo colto, sostenibile, alla portata di tutti, rispettoso dell’ambiente e distante da tentazioni fuori contesto. Ne sono un esempio il castello di Tabiano, appena ristrutturato e aperto al pubblico, e il suo borgo che è un hotel diffuso, e poi la Rocca Meli Lupi di Soragna vicino a Parma e il Castello Scipione dei marchesi Pallavicino di Salsomaggiore, o Rocchetta Mattei di Grizzana Morandi, a un’ora da Bologna, acquisita dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di Bologna che l’ha fatta rinascere.

Il movimento del turismo dei castelli dell’Emilia Romagna ha già registrato mezzo milione di visitatori all’anno: segno che la formula piace e che i capitali coraggiosi possono avere dei ritorni, nel tempo. Il miracolo compiuto al castello di Tabiano (frazione di Salsomaggiore, in provincia di Parma), salvato dal degrado con tutto il borgo, si deve al patriarca Giacomo Corazza Martini, ora 88 anni, che ha creduto, insieme alla moglie e ai figli, in questa sfida.

Il punto di inizio della storia coincide – alla fine degli anni Novanta – con l’interruzione dell’attività del caseificio, che teneva in vita il borgo medievale. «Il borgo si era spopolato fino a mantenere soltanto la locanda – racconta Corazza -. Le piante invadevano tetti e solai ormai pericolanti. L’unico modo per salvarlo era destinarlo a finalità turistico-ricettive. Siamo partiti nel 2005 ristrutturando le prime case, poi abbiamo scoperto le torri antiche, un ponte levatoio del 1200, muri di cinta, una parte di borgo integro». Sono seimila i metri quadri di borgo ristrutturati, trasformato in albergo diffuso con spa, piscina, ristorante, sale convegni; contando i casali (ora con piscina)sulle dolci colline emiliane, in tutto sono disponibili una sessantina di camere, al 70% occupate da clienti esteri. Riaperti anche il frutteto, l’oliveto, l’orto. «A quota 90% del fabbisogno l’energia prodotta da fonti rinnovabili», sottolinea con orgoglio Corazza.

Nell’arco di un decennio sono stati investiti 5,5 milioni nel borgo e un milione per i casali «e il 10% degli investimenti ha riguardato l'efficienza energetica - spiega Corazza -. Ora il relais e il borgo sono meta di eventi, matrimoni e di un turismo colto». Ma le radici non si dimenticano. «Vogliamo promuovere la cultura del territorio – scandisce Corazza – dal Festival Verdiano, all’opera al Regio di Parma, fino al tema gourmet che caratterizza la food valley emiliana». Il castello, aperto da tre mesi senza troppo clamore, ha già registrato oltre quattromila visitatori e ha ospitato il lancio della Maserati Levante e i festeggiamenti per i 150 anni di Acqua di Parma. In un’area in declino, con un termalismo che assisteva alla chiusura di alberghi anno dopo anno, Tabiano Castello è riuscito a creare un mercato nuovo, a vantaggio di tutta la zona.

Il nodo delle dimore storiche è proprio la messa a reddito del bene immobiliare. «L’unica prospettiva – conferma Gaddo della Gherardesca, che ha ereditato con i fratelli il castello di Castagneto Carducci e da maggio è presidente dell’Adsi (Associazione dimore storiche italiane, con 4.500 aderenti) – è il turismo, perché i costi di manutenzione obbligatoria sono ormai divenuti insostenibili e non è possibile che più del 50% delle dimore non generi entrate. Con Accenture e altre istituzioni stiamo mettendo a punto una strategia di rilancio da proporre al Governo, intanto incontriamo i maggiori tour operator mondiali per sviluppare l’incoming dall’estero».

http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2016-09-29/i-report-spingono-business-113730.shtml?uuid=ADhZKEPB


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news