LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il nuovo marmo che «sbianca» il volto del Duomo
Pierluigi Panza
Corriere della Sera - Milano 10/10/2016

È un lavoro che prosegue uguale da sette secoli. Le parti del Duomo rovinate vengono sostituite con marmo nuovo. Gli esperti della Veneranda Fabbrica agiscono su blocchi estratti dalla Cava di Candoglia dal 1387, il cui utilizzo è autorizzato da una bolla di Gian Galeazzo Visconti, prorogata dagli Sforza, da Mussolini e dal governo repubblicano. Le parti sostituite vengono depositate tra via Brunetti e i viali Espinasse e Certosa.

Dura la vita del Duomo: dura da sette secoli ed è dura da portare avanti. E anche unica, particolare.

Tra i molti meriti della Veneranda Fabbrica del Duomo, che da sempre si occupa della cattedrale, ne ricordiamo due recentissimi: la riapertura dell’Archivio storico completamente risistemato e reso adatto per studi ed esposizioni e l’impegno in campo musicale (la musica a Milano nacque con Gaffurio e la Cappella del Duomo) anche insieme alla Scala. Su alcuni aspetti architettonici e artistici, però, la Fabbrica potrebbe avviare un dibattito con la cultura cittadina, e viceversa.

Un aspetto che ha colpito alcuni lettori è questo. Chiunque osservi il lato nord del Duomo, quello verso la Rinascente, o magari lo osservi dalla terrazza della Rinascente — che quest’anno compie 100 anni e sarà sede di mostre e molti visitatori — può notare l’evidenza delle sostituzioni in copia delle parti ammalorate della cattedrale: un colore grigiastro e patinato caratterizza la cattedrale, mentre un bianco «Dixan» le nuove parti di volta in volta rifatte in stile e destinate a diventare a loro volta «antiche» ma, in realtà, copie moderne. Sì, la nostra cattedrale è in perenne rifacimento, non solo in perenne manutenzione. Le parti ammalorate vengono periodicamente rifatte: pilastrini, guglie, ogive, statue… «Le parti più bianche — confermano dalla Veneranda Fabbrica — sono parti ammalorate e sostituite da nuovi elementi, sempre realizzati da nostre maestranze e con le medesime tecniche e il medesimo marmo di Candoglia, che dal 1387 nutre la Cattedrale». Non si tratta solo di puliture, ma proprio di sostituzioni che la Fabbrica realizza da sette secoli. Dal 1387 infatti — grazie a una bolla di Gian Galeazzo Visconti prorogata dagli Sforza e anche da Mussolini — i blocchi del prezioso materiale del Duomo vengono estratti dalla stessa cava di Candoglia e lavorati a Milano da maestranze che si passano il mestiere. È un’epica grandiosa e unica; ma questo modo di procedere è contrario a quello delle contemporanee Carte del restauro dei monumenti, delle teorie suggerite dalla scuola di restauro del Politecnico — che prescrivono una rigorosa conservazione delle parti materiali — e anche a un comune sentire rispetto all’originale. A Notre Dame, ad esempio, dopo le feroci critiche di fine Ottocento per i restauri sostitutivi e in stile orchestrati da Viollet Le-Duc, si è progressivamente proceduto in maniera diversa.

Inoltre, dove finiscono le statue e i «gotici» ghirigori rimossi? In un cimitero delle statue in via Angelo Brunetti, un’area tra i viali Espinasse e Certosa. E qui veniamo a un altro aspetto sul quale alcuni ambienti architettonici si interrogano: ma queste statue, anche di qualità, sostituite perché ammalorate e con rischi di distacco, non possono essere riutilizzate? A parte alcune esposte nel Museo del Duomo, le statue stanno lì, nel cimitero. Recentemente, anche in un concorso, l’ex presidente dell’Accademia di Brera, Filippo Tartaglia (con l’architetto Stefania Seddio) aveva proposto un loro riutilizzo lungo l’asse di via Dante, come una sorta di percorso cerimoniale che giungeva sino a piazza del Duomo, dove ora ci sono le sculture all’aperto di Consagra. «Un percorso di arte open-air fatto come di statue scese dal Duomo per accogliere il visitatore», lo ha descritto il progettista. Per ora non se ne è fatto nulla.

E così, l’unica struttura di fianco al Duomo da sempre inamovibile resta il casotto per gli attrezzi della Fabbrica, posto sul lato Sud, verso l’ingresso di Palazzo Reale. Molti anni fa era stata avanzata una proposta di interramento di questo deposito, mai andata a buon fine. E tuttavia, se questo spazio di attrezzi e lavoro fosse reso «trasparente», diventerebbe almeno un cantiere osservabile, magari parte finale di un percorso di visita alla cattedrale, un po’ come oggi si fa per il restauro dei quadri nei principali musei del mondo.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news