LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Biblioteca dei Girolamini, nuove accuse per De Caro
Corriere del Mezzogiorno 11/10/2016

Cambiate le imputazioni, ipotizzata l’esportazione illecita di libri Una perizia prova a fare chiarezza sui volumi rubati e poi ritrovati

napoli Nel processo per il sacco della biblioteca dei Girolamini la Procura contesta un nuovo reato a Marino Massimo De Caro, l’ex direttore già condannato per peculato, e ad altre quattro persone: quello di esportazione illegale di beni di interesse storico, artistico e bibliografico. Riformulati i capi di imputazione sulla base di una perizia redatta da Guglielmo D’Angelo, che sarà depositata il 26 ottobre nel corso della prossima udienza.

Il pm Michele Fini, titolare dell’inchiesta assieme alle colleghe Antonella Serio e Ilaria Sasso del Verme con il coordinamento dell’aggiunto Vincenzo Piscitelli, ieri mattina in aula ha anticipato le conclusioni della perizia. È stato fatto, ha spiegato, un inventario più accurato dei volumi ritrovati nel corso delle indagini e di quelli ancora custoditi nella biblioteca; alcuni titoli sono stati espunti, altri inseriti. La contestazione suppletiva riguarda in particolare i libri ritrovati in Germania appena prima che fossero messi all’asta da Zisska & Schauer e successivamente tornati in Italia. Oltre che De Caro riguarda padre Sandro De Caro, ex conservatore del Monumento dei Girolamini, e i loro coimputati Alejandro Cabello, Mirko Camuri e Luca Cableri. Il pm ha anche disposto l’acquisizione del decreto di sequestro e del verbale di consegna di «due preziosi manoscritti di Guilelmus de Salicetus»: Pratica seu summa conservationis sanitatis ac curationis corporis e De chirurgia .

Il processo, che si sta celebrando davanti alla I sezione del Tribunale, collegio C, si conferma complesso. Tra i reati ipotizzati c’è l’associazione a delinquere, mentre si è concluso con pesanti condanne quello abbreviato per il peculato. Un anno fa l’allora presidente, Nicola Russo, abbandonò il dibattimento perché nel frattempo era stato chiamato a dirigere la scuola di formazione della magistratura. Di conseguenza è stato necessario riascoltare alcuni testi, mentre per altri gli avvocati hanno dato il consenso all’acquisizione delle deposizioni già agli atti. Ma, a tutt’oggi, nonostante un processo concluso e uno in fase avanzata, non si sa con certezza quanti libri siano stati prelevati dalla biblioteca e dove siano finiti.

Nell’inchiesta è coinvolto anche l’ex senatore di Forza Italia Marcello Dell’Utri, per il quale nelle scorse settimane i pm hanno chiesto il rinvio a giudizio. Dell’Utri, secondo l’accusa, ha ricevuto da De Caro 14 libri, tutti restituiti a eccezione di una rara copia dell’Utopia di Tommaso Moro: l’ex senatore sostiene che non si trovi più. Secondo la Procura, De Caro era stato nominato direttore della biblioteca proprio per prelevarne i volumi più pregiati da consegnare all’amico politico. La posizione di Dell’Utri in un primo momento era stata stralciata. Successivamente i magistrati avevano chiesto e ottenuto dal Senato l’autorizzazione a utilizzare le intercettazioni telefoniche.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news