LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LOMBARDIA- Beni culturali, la riforma non sta funzionando
www.larassegna.it, 13/10/2016

La riorganizzazione del dicastero "ha provocato la paralisi delle Soprintendenze" dicono Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Pa di Milano: "Si rischia di consegnare il territorio agli interessi degli speculatori". Giovedì 27 ottobre incontro tra sindacati e ministro

Si svolgerà giovedì 27 ottobre a Milano l’incontro tra i lavoratori del ministero dei Beni culturali della Lombardia e il ministro Franceschini, presente oggi (giovedì 13 ottobre) nel capoluogo lombardo per l’inaugurazione del nuovo ingresso della Pinacoteca di Brera. “I lavoratori – spiega una nota della Fp Cgil regionale – denunciano che la seconda fase di riforma di riorganizzazione del ministero ha provocato la paralisi delle Soprintendenze, presidi di tutela sul territorio”.

La riforma rappresenta “un ulteriore intervento normativo calato dall’alto, senza confronto con i lavoratori e i sindacati e i dirigenti del ministero coinvolti sul territorio, e senza aver prima risolto i molteplici problemi organizzativi, a partire dalla carenza di personale, in tutta la Lombardia molto grave, in particolare nei profili specialistici e nelle figure intermedie”. Tutto ciò quando “ancora non è stata completata la riforma attivata a inizio 2015, con l'avvio dei nuovi poli museali e dei musei autonomi, che finora ha prodotto una paralisi funzionale delle strutture interessate, in quanto, di fatto, ancora oggi sono scatole vuote, prive di personale proprio, affidate a collaborazioni volontarie di personale afferente ad altri uffici”.

In merito alla nuova riorganizzazione delle Soprintendenze, precisa il comunicato, si dimentica che “il punto di forza cui è ancorata la funzione costituzionale del ministero dei Beni culturali, cioè la tutela e salvaguardia del patrimonio culturale e del paesaggio, passa proprio attraverso le Soprintendenze. La suddivisione imposta (in Lombardia la Soprintendenza Archeologica è scomparsa e le due soprintendenze esistenti si sono sdoppiate, accogliendo le competenze archeologiche, con lo stesso personale) rappresenta una destrutturazione e frammentazione della tutela del patrimonio, e appare non idonea a raggiungere gli obiettivi indicati. A oggi le nuove Soprintendenze, i Musei autonomi, i Poli museali funzionano grazie all’utilizzo di personale che lavora contemporaneamente per ogni istituto presente in Lombardia, rispondendo, di volta in volta, a un dirigente diverso; la riforma ha moltiplicato i dirigenti e bloccato l’attività degli uffici”.

Non si dice no al cambiamento, ma al rischio di consegnare il territorio agli interessi degli speculatori: “È imperativo – specifica il sindacato – non depotenziare quei presidi di base che sono le Soprintendenze. Al contrario, bisogna mantenere in capo a esse la direzione tecnica e scientifica nell’articolazione attuale storicamente collaudata, e dotarle di risorse da investire nel rafforzamento delle competenze, con una seria politica di assunzioni, per evitare il rischio che si arrivi alla cessione dei servizi e delle funzioni da parte dello Stato a terzi”.

Queste riforme, continua la Fp Cgil Lombardia, hanno comportato “la perdita, senza alcun risparmio per le casse statali, di 2.200 posti negli organici, e ancora ci devono convincere che, in presenza di una complessizzazione dei compiti, i carichi di lavoro sono sempre gli stessi. Basti pensare a cosa comporti, in termini di appesantimento dei carichi lavorativi, il trasferimento al ministero delle competenze in materia archivistica e bibliografica prodotto dalla legge 125/2015, tolte di recente alle Regioni e ridate allo Stato. Ciò senza prevedere incrementi di personale”.

Per i Musei autonomi, infine, valgono molto “le capacità gestionali del singolo e langue un progetto organizzativo, che si scontra con le carenze endemiche negli organici riferite a tutti i settori lavorativi, a partire dalla carenza assoluta di funzionari amministrativi, stranamente esclusi dal concorso dei 500 funzionari, e tecnici per finire alla vigilanza, che si avvia a diventare un vero buco nero da riempire con volontari, e paventando l'utilizzo indiscriminato della società in house (Ales), che sempre più copre a costi maggiorati le carenze e, nella visione strategica del Ministero, prospetta un suo utilizzo sempre più pervasivo sia nella gestione delle concessioni che nell'appalto gestionale dei siti”.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news