LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BETLEMME-L’Italia inaugura la Basilica di Betlemme restaurata: un ponte per la pace
Giordano Stabile
La Stampa, 14/10/2016

Il Console Sokolowicz: “Proteggiamo il patrimonio di tutti”


Il patrimonio culturale come ponte fra i popoli e strumento per arrivare alla pace. È questo il senso del restauro della Basilica della Natività di Betlemme, uno dei massimi luoghi sacri per la cristianità ma in una regione al centro del conflitto fra Israele e palestinesi, e a volte anche fra le diverse confessioni cristiane. Il restauro, durato tre anni, è stato curato da 170 esperti italiani per la ditta Piacenti Spa di Prato e ha portato alla scoperta, tra l’altro, di diversi mosaici risalenti al periodo bizantino. Un successo dell’expertise italiana che è stato celebrato con la proiezione del docufilm “Restaurare il cielo”, proiettato all’American Colony Hotel di Gerusalemme Est, luogo storico di incontri di politici e diplomatici. 
 
Litigi fra cristiani  
L’evento è stato organizzato dal Consolato generale d’Italia a Gerusalemme e ha visto la partecipazione uno fianco all’altro dei vertici delle Chiese cristiane, a cominciare dal neo-insediato Amministratore Apostolico, Pierbattista Pizzaballa. Cosa non scontata a Gerusalemme. La Natività è luogo di culto per i latini (cattolici), ma anche per armeni, greci e per le altre confessioni cristiane e spesso ci sono stati “litigi” sulla sua gestione e manutenzione. In prima fila alla proiezione c’erano anche i rappresentanti dell’Autorità palestinese, che ha messo d’accordo le diverse Chiese. Il restauro, che non aveva luogo da secoli, era urgente, e c’erano pericoli strutturali per la Basilica. 
 
Protettore dei luoghi santi  
Il particolare coinvolgimento dell’Italia è dovuto anche al ruolo di “protettore dei luoghi santi cristiani” riconosciuto, da oltre 150 anni, al Console Generale d’Italia e agli altri tre “consolati latini” presenti a Gerusalemme (Francia, Spagna e Belgio). Una funzione che si tramanda dal trattato di pace che pose termine alla guerra di Crimea, nel 1853. L’allora Regno sabaudo era alleato della Francia contro la Russia e uno degli obiettivi della guerra era la competizione per la protezione dei cristiani in Terra Santa fra cattolici e ortodossi. 
 
Caschi Blu della cultura  
Il restauro della Basilica della Natività è iniziato nel 2013 ed è stato finanziato in parte dal governo italiano, e si inserisce in una politica più ampia di protezione della cultura in Medio Oriente, come anche l’istituzione dei Caschi blu della cultura, promossa dall’Italia all’Unesco. 
 
Oltre i muri  
Il console Fabio Sokolowicz - una sorta di ambasciatore di fatto in Palestina - ha sottolineato l’impegno di lungo periodo che distingue l’Italia nella protezione del patrimonio culturale in Terra Santa e in particolare in Cisgiordania: chiese, siti islamici e anche un’antichissima sinagoga a Gerico sono stati restaurati con il contributo italiano e sono tutti “parte integrante del patrimonio culturale palestinese, da tutelare con ogni mezzo”. Il documentario è stato proiettato il giorno dopo a Tel Aviv, per un pubblico, quello israeliano, che non può accedere a Betlemme, e presto sarà anche alla Casa del Cinema a Roma. 



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news