LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I musei investono sui social, ma gli italiani vorrebbero più cultura in tv
Nadia Ferrigo
La Stampa, 14/10/2016

La ricerca dell’Osservatorio News-Italia: “Il rischio è rivolgersi solo a un pubblico già fidelizzato”



Come si informano gli italiani sul patrimonio culturale? E quali sono le strategie di comunicazione dei musei? In occasione della quarta edizione del Festival del Giornalismo Culturale - inaugurato ieri e in programma in questi giorni tra Urbino e Fano - l’Osservatorio News-Italia ha presentato una ricerca che indaga il rapporto tra informazione e beni culturali.  
 
Al primo posto nella dieta mediatica degli italiani c’è ancora la Tv, anche se continuano a crescere le ricerche online, con un più 28% negli ultimi cinque anni. Se i social network segnano un lieve aumento rispetto allo scorso anno (+3%), l’informazione è sempre più mobile: l’utilizzo di device e smartphone è in crescita del 15% sul 2015. Se si parla però di informazioni su esposizioni, mostre e collezioni, la musica cambia e i primi tre mezzi citati sono tutti «tradizionali»: al primo posto ci sono i materiali promozionali cartacei, seguiti da televisione e poi quotidiani e riviste.  
 
È possibile ricostruire un identikit dei visitatori dei musei? Un terzo degli intervistati non ha visitato nemmeno una mostra nell’ultimo anno, il 42% ha visitato da una a tre mostre e il 25% più di quattro. I non visitatori sono per la maggior parte donne, ultrasessantacinquenni e con un basso tasso di scolarità. I visitatori occasionali invece sono in prevalenza giovani, con un titolo di studio di scuola superiore e laureati. I visitatori assidui invece sono in prevalenza uomini, tra i 50 e i 64 anni, laureati.  
 
Queste differenze trovano riscontro anche nel modo di informarsi. Mentre i non visitatori indicano come fonti informative in primo luogo i media tradizionali, i visitatori occasionali vorrebbero trovare più informazioni sul web e in televisione.  
E i musei come pianificano la comunicazione? Dalla ricerca emerge che si rivolgono per lo più a un pubblico già «fidelizzato». Se i musei dichiarano di essere proiettati verso lo sviluppo di profili di social network e sito web, gli intervistati invece fanno riferimento a media più tradizionali come i materiali promozionali cartacei e la televisione. 

Insomma mentre i musei vogliono investire su social e portali online, tematici e non, gli italiani desidererebbero trovare informazioni su mostre, esposizioni e collezioni in televisione e, in seconda battuta, su materiali cartacei e sito web. Le richieste sono quindi distanti dalle proposte.  
 
Lo stesso vale per l’uso dei social media: i musei dichiarano di scegliere nella quasi totalità Facebook (97%), ma anche Twitter (62%), Instagram (31%) e YouTube (25%). Gli italiani, invece, per informarsi sui musei paiono prediligere soprattutto i social «a base visuale». Dopo Facebook, ci sono YouTube, Instagram e Pinterest. 



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news