LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO-La mia Grande Brera". Il progetto di James Bradburne
ANNA MANGIAROTTI
Il Giorno, 14/10/2016

Il direttore del museo dopo l'inaugurazione della Porta delle Meraviglie


La prima volta che James Bradburne, da turista, salì lo scalone del Palazzo di Brera, per ammirare al primo piano Mantegna e il grande telero dei Bellini, che mette insieme cristiani e musulmani, rimase sorpreso. L’ingresso non era attraverso la porta identificata dalla scritta «Pinacoteca di Brera», ma da tutt’altra parte. Ieri, a un anno dall’insediamento alla direzione del Museo e della Biblioteca Braidense, ha invitato il sindaco Giuseppe Sala e il ministro Dario Franceschini a tagliare il nastro di questa «Porta delle Meraviglie», sovrastata dallo storico orologio. Che ha ripreso a battere l’ora con il suono delle sue campane.

Si cambia musica, dottor Bradburne?

«Spalancare per la prima volta, dopo 113 anni, la porta che dà accesso (come previsto nella pianta del 1907) direttamente alla magnifica Sala Teresiana della Biblioteca, e al percorso espositivo, è un atto simbolico. Un abbraccio tra le istituzioni di Brera. Un abbraccio alla città».

Note dissonanti, le polemiche sollevate dai coinquilini del Palazzo sulla stampa qualche giorno fa. Come spiegarle?

«Da straniero, sono forse un po’ ingenuo: il rinfocolarsi di sospetti e indignazione mi ha, ancora, lievemente, sorpreso. Ma a parte l’aspetto sportivo (la polemica come sport nazionale), se c’è stato un fraintendimento linguistico, e io ho qualche responsabilità, me la prendo. Sulla «Grande Brera» però sono sempre stato chiaro: è la visione di Franco Russoli (leggendario soprintendente degli anni Settanta ndr), che io voglio portare a compimento. Qualcuno invece ha confuso «Grande Brera» con il trasferimento dell’Accademia di Brera alle ex-caserme di via Mascheroni».

Fin dall’inizio del suo mandato effettivamente ha detto di non avere intenzione di cacciare gli studenti...

«E lo dico ancora più forte: l’Accademia può stare qui altri 100 anni. Ma la maggior parte dei docenti sente l’esigenza di un campus moderno, e di aule ampie, per sperimentare le nuove tecnologie applicate all’arte contemporanea. Ecco, ragazzi, se volete, il Ministero della Cultura (non dell’Istruzione) ha stanziato 40 milioni di euro anche per riconvertire a questa destinazione le caserme. Ma nessuna decisione è stata presa sulla testa di nessuno».

Ne state discutendo?

«Certo, le varie possibilità sono contemplate in una bozza. Niente di definitivo. Nessuno vuole spodestare neppure l’Istituto Lombardo accademia di scienze e lettere dei suoi diritti imperiali e dei suoi locali».

Comunque si aprirà una caffetteria? E un bookshop? E l’ingresso da via Fiori Chiari 4?

«Sì, sì, sì. Ma la riqualificazione dell’edificio e del cortile napoleonico non significa «Grande Brera». In discussione non è la spostamento dei pezzi su una scacchiera, ma l’idea di museo vivente nella società, come lo intendeva Russoli, quando progettò di estendere Brera all’adiacente Palazzo Citterio, accogliendo anche l’arte moderna, le collezioni Jesi, Jucker, Vitali e (ora ci concedono in prestito) la collezione Mattioli. I lavori nel cantiere di Palazzo Citterio proseguono a ritmo serrato. Se non interverrà un terremoto o una guerra, lo aprirò nel 2018. Il pezzo chiave di un sogno: Grande Brera nella Grande Milano».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news