LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Niente norme né controlli: McDonald's avanza nella Roma stracciona
di VALERIO MAGRELLI
14 ottobre 2016 la Repubblica



Migliaia di nuove paninoteche aprono nella Capitale. Da San Pietro a Piazza Navona, il fast food si impone, in un turismo dall'aria sempre più "stracciona"


Risale a pochi giorni fa la notizia dell’apertura di un fast-food a pochi metri dal colonnato di San Pietro. L’annuncio ha scatenato una serie di sacrosante reazioni. Il motivo è presto detto: nelle aree tutelate come Borgo (patrimonio dell’umanità) è vietato trasferire una licenza da un locale di cucina tradizionale a uno di cucina straniera come McDonald’s. Insomma, come è stato fatto notare, la legge afferma che il passaggio da una trattoria tipica al colosso globale simbolo di hamburger stravolgerebbe l’identità artistica, culturale e sociale del rione. «Si tratta del colpo di grazia che abbatte l’animale ferito», ha commentato Alberto Asor Rosa, intervenuto su Repubblica.

Lo stabile di Borgo è di proprietà vaticana, appartenendo all’Apsa (Amministrazione del patrimonio della sede Apostolica), il che, naturalmente, complica le cose. Ma con l’occasione, non sarà il caso di controllare la “disinvolta” politica immobiliare del nostro Stato confinante, tra siti religiosi trasformati in hotel e l’antica ferita dell’Imu non versata? Infrazioni così vistose e gravi al nostro ordinamento non dovrebbero essere tollerate. Magari, con l’occasione, si potrebbe anche pensare di ridurre la quantità di pullman che l’Opera Pellegrini riversa nella città, vera e propria piaga della quale il pur accorto sindaco Marino non si diede mai cura.

Ad ogni modo, parlando di colpo di grazia, Asor Rosa si riferiva probabilmente al fatto che, appena poco tempo prima, un’identico scempio aveva deturpato Piazza Navona. Infatti, un’altra sede di McDonald’s ha potuto insediarsi giusto accanto a un simile gioiello, per la precisione in piazza delle Cinque Lune. Altra paninoteca, insomma, e per di più a due passi dal Senato, con relativo aggravio dei problemi di sicurezza. Ma non è tutto, dato che Piazza Navona stessa ha visto un’antica bottega antiquaria cacciata via per far posto a un negozio che espone in bella vista degli sgargianti manichini centurioni. In questo caso, il merito va ai privati, cioè ai proprietari di palazzo Doria Pamphili.

Come che sia, senza tante giravolte, la soluzione sarebbe facile: risalire alla fonte, e capire chi autorizza gli ignobili esercizi che ormai sfigurano tutto il centro storico, dando al turismo romano, ha notato un attento osservatore come Vittorio Emiliani, una sua inconfondibile «aria stracciona». Eppure, come è stato già detto spesso, nessuno risponde alle denunce. Cito: «Cosa fa la soprintendenza, cosa fa il Campidoglio, cosa fa il primo Municipio?». Basti dire che i locali di mescita e di ristoro sono balzati da 1400 ad oltre 4000, e questo, ecco la cosa veramente grave, senza alcun criterio nei riguardi
di una città delicata, complessa e preziosa come Roma. A questo punto, sarebbe bello se, dalle autorità, arrivasse un segnale forte e chiaro per applicare le regole già esistenti, verificando la legalità delle licenze commerciali e delle occupazioni di suolo pubblico. Tutto questo, però, non a casaccio e una tantum, a mo’ di contentino per acquietare i soliti seccatori, bensì in maniera sistematica, definitiva, in una parola: civile



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news