LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO - Mostra Manet: Fassino "Così la giunta M5S distrugge il nuovo volto della città"
di MARINA PAGLIERI
16 ottobre 2016 LA REPUBBLICA


“Pezzo dopo pezzo, questa giunta sta smontando gli eventi che hanno fatto di Torino una capitale di cultura. Il sindaco Chiara Appendino e l’assessore Francesca Leon hanno affermato che le grandi mostre e i grandi eventi sono superflui e che dunque non li avrebbero più sostenuti. Considero questo un grave errore”. L’ex sindaco Piero Fassino apprende con dispiacere la notizia che la mostra di Manet, da lui annunciata alla Gam il 2 ottobre dello scorso anno, durante l’inaugurazione della felice rassegna di Monet, realizzata come le precedenti di Degas e Renoir con Skira e con il Musée d’Orsay - che avrebbe contribuito con prestiti anche a quest’ultima, come già assicurato dal presidente Guy Cogeval - non si farà più. Notizia anticipata ieri da Repubblica e confermata oggi dalla società editoriale milanese.
Piero Fassino, che cosa succede nella politica culturale torinese?
“Guardi, la linea di smantellamento iniziata con l’idea di chiudere la Fondazione per la cultura prosegue e temo che sia solo l’inizio. Già si era creata polemica intorno al Festival del jazz, adesso emerge la perdita della grande mostra di Manet da realizzare alla Gam, conseguenza di una volontà peraltro espressa dalla nuova amministrazione. Questo è un danno per la città.”
In che senso?
“Mi pare di intravedere la non comprensione che la cultura è considerata un fattore costitutivo di un preciso modello di sviluppo. Oggi le città investono più del passato in cultura, qui sta avvenendo l’opposto. Abbiamo creato negli anni nuove opportunità, che si rischia di perdere. A proposito della mostra di Manet, non mi aspettavo questa svolta, anche se le premesse c’erano, insite nelle dichiarazioni programmatiche che ho sentito fare in particolare dall’assessore Leon, sull’inutilità delle grandi mostre. Si va in direzione dello smantellamento di quanto è stato fatto finora. E’ un’altra delle forme in cui si traduce questa decrescita infelice”.
Come interpreta queste scelte?
“Intanto, si deve tenere conto del fatto che l’assessore alla cultura ha le deleghe per musei, biblioteche e fontane, mentre i grandi eventi sono intestati al gabinetto del sindaco. E’ già un grave errore intanto la volontà si smantellare la Fondazione per la cultura, mi pare addirittura una follia. Si è voluto polemizzare nei confronti della centralità della cultura, adesso si raccolgono i cocci”.
Tra questi, il fatto di non potere concludere con la mostra di Manet la serie sugli impressionisti, che il presidente del Musée d’Orsay Cogeval aveva in parte già persino in mente. E’così?
“Sì, ed è un peccato. Considero questo un grave errore, perché le grandi mostre sono il frutto di relazioni e collaborazioni internazionali con importanti musei, come il Musée d’Orsay, il Beaubourg, l’Ermitage, per non cìtarne che alcuni. Non farle più significa invertire drasticamente l’offerta culturale della città, con un danno sia per i torinesi, che non potranno più fruirne, sia per l’attrattività della città, che è data in gran parte dalla sua offerta culturale. Abbiamo avuto d’altronde delle prove in questa direzione”.
Ovvero?
“Quest’anno
il New York Times ha indicato Torino come unica città italiana tra le mete turistiche consigliate e questo soprattutto per la sua offerta culturale. Non so se una cosa del genere si potrà verificherà ancora. E poi, quando gli organi di informazione presentano Torino, lo fanno innanzi tutto attraverso i suoi musei. Non tenere conto di tutto questo significa mettere in crisi il nuovo profilo della città, è un vero




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news